VILLA CROCE MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA (GENOA)

en - it - fr

VILLA CROCE MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA (GENOA)

Direction:
artistic director Ilaria Bonacossa

Contacts:
Via Jacopo Ruffini 3, 16128 Genoa
telephone +39 010 58 00 69
+ 39 010 58 57 72
e-mail museocroce@comune.genova.it
staff mostre@comune.genova.it
website www.villacroce.org

Info:
open Tuesday-Friday 9 am-6.30 pm
Saturday-Sunday 10 am-6.30

A neoclassical villa nestled amongst the greenery of a quaint city park: the Museum, donated to the city by the Croce family in 1951, sits perched over the sea, as if to keep a watchful eye over the city of Genoa. Established in 1985, it boasts a permanent collection of both Italian and international art, gathered by the expert hands of Maria Cernuschi Ghiringhelli. The masterpieces of renowned artists such as Licini, Reggiani, Radice, Fontana, Manzoni, Dadamaino, Uncini, Agnetti sit next to contemporary pieces by Ben Vautier, Philip Cornell, Flavio Favelli, Adrian Paci, Alberto Tadiello and Marta dell’Angelo.
The ground floor, with its walls decorated a tempera so typical of the eclectic taste of the late 1800s, hosts a conference room and a library specialized in contemporary art and open to the public. The first floor is dedicated to temporary exhibits while the second floor holds both the museum’s permanent collections as well as temporary exhibits.
In the vanguard and always interested in the work of young, emerging artists, Villa Croce Museum annually hosts a series of contemporary art exhibits, accompanied by frequent incursions into the world of music, cinema, theatre, and literature. These initiatives are also accompanied by exhibits dedicated to individuals, movements and situations that have deeply changed the history of artistic research. The museum prides itself on innovation and continuous exploration of different artistic disciplines, regardless of standard categories. Villa Croce’s exhibit program offers a prompt representation of the contemporary art world, from design to video, from installations to photography, with a desire to showcase the international art scene and to support the most promising young and emerging Italian artists.
In 2012, Villa Croce launched an innovative management model that combines both public and private funding, thanks to the collaboration between Comune di Genova (the Municipality of Genoa) and Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura and a group of private companies and foundations among which Gruppo Hofima, Fondazione Edoardo Garrone, Costa Crociere, Banca Carige, Villa Montallegro, and Coeclerici.
The Villa Croce committee has raised the necessary funds for the first two years of activity, proving the great potential behind this type of management by guaranteeing a rich, international program. The confirmation of funds for another two-year period offers the museum a chance to establish itself both nationally and internationally.
Thanks to its public and private funding, the museum works with agility and flexibility, creating the opportunity for individuals to meet artists and discover their work, setting aside the sterile combination between role and names. Villa Croce’s objective is to guarantee an articulate cultural project that, through multiple National and International partnerships, can support high quality art projects addressed to everyone.

Thomas Grunfeld. Homey. Installation view

2. Thomas Grunfeld. Homey. Installation view

Massimo Grimaldi. Slideshows. Installation view

3. Massimo Grimaldi. Slideshows. Installation view

Project: La démocratie est illusion

 

Un edificio neoclassico immerso nel verde: il Museo, donato al Comune dalla famiglia Croce nel 1951, si erge a picco sul mare, come vigile faro della città di Genova. Inaugurato nel 1985, vanta una collezione permanente di opere d’arte italiana e internazionale, frutto del lungimirante lavoro di ricerca di Maria Cernuschi Ghiringhelli. Capolavori di artisti del calibro di Licini, Reggiani, Radice, Fontana, Manzoni, Dadamaino, Uncini, Agnetti si affiancano a opere più contemporanee di Ben Vautier, Philip Cornell, Flavio Favelli, Adrian Paci, Alberto Tadiello e Marta dell’Angelo.
Al piano terra, decorato a tempera nel tipico gusto eclettico di fine ‘800, si trovano la sala conferenza e una ricca biblioteca, aperta al pubblico, specializzata in arte contemporanea. Il primo piano è dedicato alle esposizioni temporanee mentre il secondo conserva le collezioni del museo, ospitando a sua volta mostre temporanee.
Realtà all’avanguardia e sensibile al lavoro di giovani artisti, il Museo di Villa Croce svolge una programmazione annuale di mostre prevalentemente rivolta alla ricerca contemporanea, con incursioni nei territori della musica, cinema, teatro e letteratura. A questo tipo di iniziative, si affiancano anche mostre storiche dedicate a personaggi, movimenti e situazioni che hanno profondamente segnato l’evoluzione della ricerca artistica.
Una realtà innovativa e in continuo work in progress, che esplora differenti discipline artistiche, eliminando ogni categorizzazione. Il programma di mostre di Villa Croce, offrendo una rappresentazione puntuale della contemporaneità, che spazia dal design ai video, dalle installazioni alla fotografia, nasce dal desiderio di presentare la situazione internazionale della realtà artistica sostenendo le eccellenze italiane e giovani artisti emergenti.
Villa Croce ha inaugurato nel 2012 un innovativo modello di gestione pubblico-privato grazie alla collaborazione tra il Comune di Genova, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e un gruppo di privati tra cui Gruppo Hofima, Fondazione Edoardo Garrone, Costa Crociere, Banca Carige, Villa Montallegro, Coeclerici.
Il comitato Villa Croce ha reperito i finanziamenti necessari per i primi due anni di attività espositive, dimostrando le potenzialità di questo nuovo modello di gestione e garantendo al museo un programma internazionale di mostre. La riconferma dei finanziamenti per un ulteriore biennio offre al museo l’occasione di affermarsi a livello internazionale e non solo italiano.
Grazie alla sua struttura mista pubblico-privata, il Museo opera in modo rapido e flessibile, favorendo incontri tra persone e artisti, individui e opere d’arte, accantonando lo sterile binomio ruolo-nomi. Villa Croce si pone l’obiettivo di garantire un progetto culturale articolato che, attraverso molteplici partnership e collaborazioni italiane e internazionali, supporti progetti d’arte di qualità rivolti a tutti.

 

Le Museo Villa Croce, inauguré en 1985, est situé dans un bâtiment néoclassique du 19e siècle, don de la famille Croce a la Ville de Gênes en 1952. Sa collection permanente regroupe plus de 3 000 œuvres d’art italiennes et étrangères de la seconde moitié du 20e siècle, ainsi que le fond d’art abstrait Maria Cernuschi Ghiringhelli riche de plus de 200 œuvres d’artistes italiens et internationaux majeurs des années 60 et 70, parmi lesquels Mario Radice, Osvaldo Licini, Lucio Fontana, Bruno Munari, Dadamaino, Piero Manzoni ou Fausto Melotti.
En 2012, la Villa Croce inaugure un modèle innovant de gestion public-privé à travers la collaboration avec la Ville de Gênes, le soutien du Palais Ducal, Fondation pour la Culture et un groupe de mécènes privés (Gruppo Hofima Holding Malacalza, Fondazione Edoardo Garrone, Costa Crociere, Banca Carige, Villa Montallegro et Coeclerici).
La Villa Croce présente des expositions d’artistes et de mouvements émergents sur la scène de l’art contemporain international, mais également des expositions historiques autour des collections permanentes. Elle collabore activement avec les musées et centres d’art contemporain du monde entier.

Images:
1. Museo Villa Croce, Genoa. Photo: Nuvola Ravera
2. Thomas Grunfeld. Homey. Exhibition view at Villa Croce, 21 March – 18 May 2014.  Courtesy Villa Croce. Photo: Nuvola Ravera
3. Massimo Grimaldi. Slideshows. Exhibition view at Villa Croce, 9 September -18 November 2012. Courtesy Villa Croce. Photo: Simona Cupoli

close
en - it - fr

VINCENT HONORÉ IN CONVERSATION WITH ILARIA BONACOSSA, VILLA CROCE MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA, GENOA

VINCENT HONORÉ IN CONVERSATION WITH ILARIA BONACOSSA, VILLA CROCE MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA, GENOA

Vincent Honoré How the past history of the Villa Croce informs its programme and your vision of the museum? I am referring to its history as a building belonging to the Croce Family as well as to its more recent history as a museum.
Ilaria Bonacossa The museum was previously vital with a collection of abstract art and had slowed down, ending up hosting exhibitions that were financially sustainable with no exact criteria or project.
In Italy power and energy historically move around in the art world from place to place, often in smaller centres for limited periods: it is as if cities like Rome and Milan, which have a rich gallery scene, have a harder time activating their institutions. We have worked with the community and friends of Villa Croce to build a hub in a time that has obvious financial and (ideological?) philosophical challenges. After a period of national excess it seemed like, in some ways, there was an advantage to work with more limited resources. This situation offered a way to frame the desire of a community or wider group for contemporary art, to remember what we want to think, say and see.
The historical building, an 18th century neo-classical style building overlooking the sea, becomes an occasion for artists to work out of the white cube. Similarly Genoa, a city that was the financial capital of Europe in the 17th century, rich of history and past but off most tourist routes, offers artists the occasion to encounter beauty and history in a very personal and intimate way.

2. Museo Villa Croce, Genoa

2. Museo Villa Croce, Genoa

V.H. There are different models of what a museum should be, of what its missions should be. What is your vision, in 2014, of what a museum like yours in Genoa should be?
I.B. We wanted to look at diverse and polyvalent ways of making art and offered the space to different artists who used space and time in different ways. Every show has retransformed the museum, has potentially spoken to a different audience and offered a different kind of research or product. A museum as a space of knowledge and freedom. On the other hand with the “Genova maXter Program” every year for two weeks the museum becomes a school where young artists can discuss and experiment collaboratively their practice.

V.H. Similarly, what are the main responsibilities of a curator working in a museum nowadays?
I.B. A museum curator shoulddeal with administrations, corporations and other organizations and, at the same time, has to offer stimulations to other people in a rapidly changing, developing and in some ways devolving world. We have to think about the public, but it’s important to have a person-by-person attention rather than act in a populist way. All individuals need to be inspired and are looking for alternative ideas.

3. Thomas Grunfeld. Homey

3. Thomas Grunfeld. Homey

V.H. “A collection isn’t a shelter into which to retreat. It’s a source of energy for the curator as much as for the visitor” (Pontus Hultén). There had been lately some very interesting experiments with collections, collecting and the dynamic of conservation. How do you articulate the collection within the programme and how do you activate it in the museum?
I.B. Our collection is very specific and is mainly constituted by works from the same period. It includes some amazing works, that we have presented in a revised context with a series of smaller archive and art historical shows focusing on Italian artists that have in some way been overlooked by the market and art history. This is not only a way of giving new value to the collection, but a way of contextualizing the present art market and showing the fact that careers are a strange phenomenon.

3. Massimo Grimaldi, Slideshows

4. Massimo Grimaldi, Slideshows

V.H. PIANO intends to create a network of art spaces working together, exchanging and interacting. Why did you decide to join the project and how are you participating in it?
I.B. It’s a bit disingenuous to think about existing just in one place in these current times. Everyone is kind of everywhere now, we need to continuously negotiate and work in diverse and common directions. Institutions can work together and support experiments and forms of experimentation.

 

 

Vincent Honoré In che modo il programma di Villa Croce e la tua visione del museo sono influenzati dalla storia passata del luogo? Mi riferisco alla sua storia di edificio appartenente alla famiglia Croce e alla sua più recente identità di museo.
Ilaria Bonacossa Il museo ha avuto una sua precedente vitalità con una collezione di arte astratta e poi è decaduto, finendo per organizzare mostre economicamente sostenibili ma prive di un criterio o un progetto preciso.
In Italia le energie del mondo dell’arte si muovono di luogo in luogo, passando spesso in determinate fasi nei centri minori: è come se le città come Roma e Milano, dotate di una ricca scena di gallerie, avessero più difficoltà a rendere attive le proprie istituzioni. Abbiamo lavorato con la comunità e con gli amici di Villa Croce per costruire un hub in un momento di evidenti difficoltà finanziarie (ideologiche?) e filosofiche. Dopo un periodo di eccessi sul piano nazionale, sembra che ora ci sia in qualche modo un vantaggio nel lavorare con risorse più limitate. La situazione ha offerto la possibilità di dare una cornice al desiderio di una comunità o di un gruppo più ampio, di ricordare cosa vogliamo pensare, dire e vedere.
L’edificio storico, un palazzo del XVIII secolo in stile neoclassico affacciato sul mare, fornisce agli artisti l’occasione di lavorare fuori dal white cube. Allo stesso modo Genova, città che nel XVII secolo fu la capitale finanziaria d’Europa, ricca di storia e di passato ma esterna rispetto agli itinerari turistici tradizionali, offre agli artisti l’occasione di vedere la storia e la bellezza in un modo molto personale e intimo.

V.H. Ci sono diversi modelli di cosa dovrebbe essere un museo e di quale debba esserne la mission. Cosa pensi debba essere un museo nel 2014?
I.B. Volevamo mettere in luce modi diversi e polivalenti di fare arte e mettere a disposizione degli artisti lo spazio, facendo in modo che usassero lo spazio e il tempo in modi diversi. Ogni mostra ha ritrasformato il museo, rivolgendosi a un pubblico diverso e proponendo un genere inedito di ricerca o di prodotto. Un museo come spazio di conoscenza e libertà. In altro modo con il “Genova maXter Program” il museo si trasforma ogni anno per due settimane in una scuola in cui i giovani artisti possono confrontarsi e sperimentare la loro pratica in maniera collaborativa.

V.H. Quali sono oggi le principali responsabilità di un curatore museale?
I.B. Un curatore museale deve confrontarsi con le amministrazioni, le società e altre organizzazioni e al contempo deve offrire stimoli agli altri in un mondo in rapida trasformazione e sviluppo. Dobbiamo tenere conto del pubblico, ma è importante avere un’attenzione al singolo senza agire in modo populistico. Ogni individuo ha bisogno di essere ispirato e cerca idee nuove.

V.H. “Una collezione non è un rifugio nel quale ritirarsi. È una fonte di energia per il curatore così come per il visitatore” (Pontus Hultén). Ultimamente ci sono stati esperimenti molto interessanti con le collezioni, l’atto del collezionare e la dinamica della conservazione. Come gestisci la collezione all’interno del programma e come viene attivata nel museo?
I.B. La nostra collezione è molto particolare ed è costituita da opere risalenti al medesimo periodo. Contiene alcuni lavori eccezionali, da noi presentati in un allestimento inedito con una serie di mostre di dimensioni ridotte di carattere archivistico o storico-artistico, incentrate su artisti italiani che sono stati ignorati dal mercato o dalla storia dell’arte. Abbiamo così non solo voluto dare nuovo valore alla collezione, ma anche contestualizzare il mercato artistico di oggi e mostrare quanto le carriere artistiche siano uno strano fenomeno.

V.H. PIANO intende creare un network di spazi espositivi che lavorano insieme, attraverso lo scambio e l’interazione. Perché hai deciso di aderire al progetto e come si attua la tua partecipazione?
I.B. È sbagliato pensare di esistere solo in un luogo in questi tempi. Ognuno si trova ovunque ora, dobbiamo negoziare continuamente e lavorare in direzioni insieme differenti e comuni. Le istituzioni possono lavorare insieme e sostenere esperimenti e forme di sperimentazione.

Images:
1. Julieta Aranda. If a Body Meet a Body. Exhibition view at Villa Croce, 9 May – 30 June 2013. Courtesy Villa Croce. Photo: Nuvola Ravera
2. Museo Villa Croce, Genoa. Photo: Nuvola Ravera
3. Thomas Grunfeld. Homey. Exhibition view at Villa Croce, 21 March – 18 May 2014.  Courtesy Villa Croce. Photo: Nuvola Ravera
4. Massimo Grimaldi. Slideshows. Exhibition view at Villa Croce, 9 September – 18 November 2012. Courtesy Villa Croce. Photo: Simona Cupoli

Protagonist: Ilaria Bonacossa
Space: Villa Croce Museo d’Arte Contemporanea
Project: La démocratie est illusion

close