Nina Fiocco

en - it - fr

Nina Fiocco

Nina Fiocco, The Salgari Method - Santa Inés Ahuetempan, 2013

Nina Fiocco, The Salgari Method – Santa Inés Ahuetempan, 2013

Born 1985, Italy
Lives and works in Puebla, Mexico and Feltre, Italy
At the centre of Nina Fiocco’s work there is the idea of distance, meant as a deforming lens, which oppositely to experience, is a tool of dominion and control in the communication society. Looking for strategies to evade this knowledge mirage, Nina Fiocco works with different media, focusing on the intersection between narration, common work, experience and image, in its broader meaning from photography and internet to architecture and geography.

2015
- Public Privacy, a cura di Alice Pedroletti, Studio 6, festival “Studi”, Milano
- The Wall, a cura di Stanislaw Ruksza, Careof DOCVA, Milano
- Ciudad Expandida, a cura di Laalvaca, installazione site specific(Tlaxco Puebla, Messico)

2014
- The Salgari Method-Milan, workshop e installazione collettiva, a cura di O’, Milano
- Civico/Hurbano, a cura di NoAutomatico, Tong Proyectos, Puebla (Messico)
- On/Off entre el recuerdo y el oblio, Alianza Francesa, Puebla (Messico)

Project: Piano – alto!

 

(1985, vive e lavora tra Puebla, Messico, e Feltre)
Al centro del lavoro di Nina Fiocco si trova l’idea di distanza, intesa come una lente deformante che, all’opposto dell’esperienza, si converte in uno strumento di dominio e controllo nella società della comunicazione. Cercando strategie per evadere questo miraggio della conoscenza, Nina Fiocco lavora con media diversi, interessandosi all’intersezione tra narrazione, lavoro comune, esperienza e immagine, intesa nel suo spettro più ampio dalla fotografia e l’architettura a Internet e la geografia.

 

Née en 1985, vit et travaille entre Puebla, Mexique, et Feltre, Italie. Au cœur du travail de Nina Fiocco se trouve l’idée de distance, entendue comme un verre déformant qui, contrairement à l’expérience, se transforme en un instrument de domination et de contrôle dans la société de la communication. A la recherche d’une stratégie pour s’évader de ce mirage de la connaissance, Nina Fiocco travaille avec différents médias. Elle s’intéresse à l’intersection entre narration, travail collectif, expérience et image. Elle appréhende l’image au sens large : de la photographie à l’architecture, d’Internet à la géographie.

Nina Fiocco interroge les questions de standardisation, d’identité. Elle étudie l’accent particulier de cette région du sud de la France et archive des voix qui lui serviront de base pour mettre en forme une interprétation performative et plastique. Elle mesure la portée de ces voix à l’échelle de l’espace, en une performance jouée avec des habitants, à la nuit tombée. Elle participe au rituel de l’affût, dès l’aube, avec les chasseurs… Elle entraîne et se laisse happer dans des aventures inédites pour mieux appréhender le territoire et ses limites.

Martine Michard
décembre 2014

Image:
Nina Fiocco, The Salgari Method – Santa Inés Ahuetempan, 2013, action and installation documentation image. Courtesy of the artist and Metodo Salgari

close
en - it - fr

STEFANIA MEAZZA IN CONVERSATION WITH NINA FIOCCO

STEFANIA MEAZZA IN CONVERSATION WITH NINA FIOCCO

NINA FIOCCO, THE DEEP ESSENCE OF LAND

Nina Fiocco was an artist in residency at Maisons Daura in Saint-Cirq Lapopie, at Chapelle Saint-Jacques in Saint-Gaudens and at BBB centre d’art in Toulouse between September and November 2014.
Nina Fiocco penetrates the reality of daily life and unveils its most hidden and meaningful aspects. By researching on site, she questions the local aspect of the context to widen the perspective and make it universal.

Interview by Stefania Meazza

Stefania Meazza Tell me about the project you developed during the Piano – alto! residencies.
Nina Fiocco To me coming to France was a way to come closer to home, without actually coming home. I was somewhere in the middle: a country which I don’t belong to but which is part of the same political and social system I live in. I live on another continent. There I was identified for the first time, and with great surprise on my behalf, as a European. I was included in a macro-system which I never thought I belonged to which is seen from the outside as consistent and well defined, not diverse.
I arrived shortly after reading Monolingualism of the Other by Jacques Derrida, so I was interested in language as a threshold, as a thin line which can despotically divide who is part of a community from who isn’t, who has the appropriate vocabulary and accent to talk about certain themes from who hasn’t. This is why, through my research, I tried to explore language as a sort of utopia, where the speaker can’t use their native language to communicate with the “other” and so invents their own language. This language doesn’t give an agreed sound a certain meaning, but it reinvents it, it experiments with it and it makes it personal.

S.M. The project carried out in Midi-Pyrénées, and in general all of your research, has an immediate connection with the context you are working in. To quote the French critic Paul Ardenne, we could call your work ‘contextual art’. How did the three different contexts you stayed in influenced your work? How did you respond to these contexts (Saint Cirq-Lapopie: medieval town and tourist attraction/Saint Gaudens: industrial town at the feet of the Pyrenees/Toulouse: a dynamic regional capital with an industrial heritage and strong student life)?
N.F. During this period, I organised my work around practice-based research. Starting from the ideas we were talking about before (the foreigner, language, threshold, utopia/dystopia of an invented language), I tried to create work in relation to the context, the people and the territory. In Saint-Cirq Lapopie I had the opportunity to collaborate with a choir. We drew inspiration from a quote of Aristotle’s Politics1 to develop a series of actions imagining a way to map out the space we lived in intangibly. In Saint-Gaudens, thanks to another accidental encounter, I worked on a video in which I explored the forms of verbal communication invented by man to establish a relationship with animals. I recorded a lot of material about these entirely personal ways to create a new language, which are sometimes successful and sometimes not. I hope I will continue this project in Italy and Mexico. Lastly, in Toulouse I tried to come to a conclusion on language. I actually left the city and started working with an artisan workshop which has been making cowbells since the 17th century. I started planning the installation for the final exhibition with them.

S.M. What do you believe your role as an artist to be in contextual art? Are you a catalyst? A researcher?
N.F. I often quote an essay by Walter Benjamin on this point, which largely influenced my work. Benjamin recognises two types of people who in the past could be considered ‘storytellers’. On one side there is the sedentary and home-based peasant, who lives in the same place as his ancestors for all of his life and thus reaches the deepest level of knowledge of time. On the other side there is the itinerant and travelling merchant, who having travelled far and wide is fully aware of space. I’ve always been interested in how understanding distance, either in time or space, can be linked to the ability of telling the truth, but also – as Benjamin adds – of finding a breakthrough towards what is ‘wonderful’, allowed by the public to the storyteller. This is what I aim to do in my artistic practice: to tell the truth so I can then allow myself to offer a wonderful abstraction from truth itself.

S.M. You often approach work through collaboration between different people. You saw the context in Midi-Pyrénées mainly as a human one. How did you establish a relationship with the locals?
N.F. In fact I always try to lay as foundation of my work the process of listening, storytelling and creating a deep connection with the local context. To use an anthropological metaphor, field work is often defined by informers, who then actually lead the following processes.

S.M. One of Piano – alto!’s distinctive traits is that it’s a research residency. Even though there various ways to elaborate and return work to the public were planned for the following months, the main aim of these weeks was to immerse yourself in a different context and stimulate your reflection. Was this the first time you took part in a research residency? What was it like?
N.F. Actually, I had been in residence at the Fondazione Bevilacqua La Masa. There I had started researching from a more theoretical point of view distance and storytelling. This first step led all of my recent research and practice, from the Monte Grappa project in Mexico to the Salgari Method. When I arrived at Piano – alto!, I had the intention to explore the area, look for paths to follow, experiment with new techniques, read and observe to come back with a baggage of new material to transform.

S.M. A residency is also a life experience. What does living in a place for a limited period of time mean to you? What were your expectations when you got to Midi-Pyrénées and what do you go back to Italy with?
N.F. An opportunity to take a break, a deep breath, do something else. I left to explore a territory I didn’t know, to understand something, however small. I come back with plenty of material, encounters, conversations, landscapes. And some doubts, which to me are a good way to come close to knowledge.

1 “(…) To the size of states there is a limit, as there is to other things, plants, animals, implements; for none of these retain their natural power when they are too large or too small, but they either wholly lose their nature, or are spoiled. For example, a ship which is only a span long will not be a ship at all, nor a ship a quarter of a mile long; yet there may be a ship of a certain size, either too large or too small, which will still be a ship, but bad for sailing. In like manner a state when composed of too few is not, as a state ought to be, self-sufficing; when of too many, though self-sufficing in all mere necessaries, as a nation may be, it is not a state, being almost incapable of constitutional government. For who can be the general of such a vast multitude, or who the herald, unless he have the voice of a Stentor? A state, then, only begins to exist when it has attained a population sufficient for a good life in the political community: it may indeed, if it somewhat exceed this number, be a greater state. But, as I was saying, there must be a limit. What should be the limit will be easily ascertained by experience. For both governors and governed have duties to perform; the special functions of a governor to command and to judge. But if the citizens of a state are to judge and to distribute offices according to merit, then they must know each other’s characters; where they do not possess this knowledge, both the election to offices and the decision of lawsuits will go wrong. When the population is very large they are manifestly settled at haphazard, which clearly ought not to be. Besides, in an over-populous state foreigners and metics will readily acquire the rights of citizens, for who will find them out? Clearly then the best limit of the population of a state is the largest number which suffices for the purposes of life, and can be taken in at a single view. Enough concerning the size of a state.” Aristotle, Politics, Book Seven, translated by Benjamin Jowett.

November 2014
Translation: thanks to Marta Sanders

NINA FIOCCO, L’INTIMA ESSENZA DEL TERRITORIO

Nina Fiocco è stata accolta in residenza alle Maisons Daura a Saint-Cirq Lapopie, alla Chapelle Saint-Jacques a Saint-Gaudens et al BBB centre d’art a Tolosa tra settembre e novembre 2014.
Nina Fiocco si insinua nei meandri della realtà comune e ne svela gli aspetti più reconditi e significativi. Come una ricercatrice sul terreno, interroga la dimensione locale del contesto per aprirla a una prospettiva universale.

A cura di Stefania Meazza

Stefania Meazza Qual è il progetto che hai sviluppato durante le residenze Piano – alto!?
Nina Fiocco Venire in Francia era per me una maniera di avvicinarmi a casa, anche se, in effetti, a casa non ero. Piuttosto mi trovavo in bilico, in un paese cui non appartengo, ma che fa comunque parte di un sistema politico-sociale del quale faccio parte anch’io. Vivendo in un altro continente, sono stata definita, per la prima volta e con grande sorpresa, europea. Sono stata inclusa in un macrosistema che non avevo mai pensato come mio e che è d’altra parte assolutamente contrario alla diversità, poiché appare dall’esterno coeso e ben definito. Al mio arrivo, dopo la recente lettura de Il monolinguismo degli altri di Jacques Derrida, ero interessata ad avvicinarmi all’idea di lingua come soglia, come una membrana che può dispoticamente scegliere tra chi è dentro e chi è fuori da una comunità, tra chi possiede strumenti lessicali e cadenza adeguati a parlare di certi temi e chi no. Per questa ragione con la mia ricerca ho cercato di investigare una dimensione in un certo senso utopica del linguaggio, in cui un soggetto, che non può valersi della propria lingua madre per entrare in contatto con “l’altro”, inventa un linguaggio proprio, che esclude un senso dato a un suono prestabilito, bensì lo reinventa, lo sperimenta, lo personalizza.

S.M. Il progetto svolto in Midi-Pyrénées, e in generale la tua ricerca, è in assonanza diretta con il contesto. Usando un’espressione coniata dal critico francese Paul Ardenne, si potrebbe definire una forma d’arte “contestuale”. Che ruolo hanno svolto i tre tipi di contesti incontrati durante la tua residenza (Saint-Cirq Lapopie: villaggio medievale destinazione turistica/Saint-Gaudens: cittadina industriale ai piedi dei Pirenei/Tolosa: capoluogo di regione, città dinamica, dall’identità industriale e studentesca)? Come hai reagito a questi contesti?
N.F. Il lavoro di questo periodo si è organizzato intorno a ricerche in practice: in base alle idee di cui abbiamo parlato prima (lo straniero, la lingua, la soglia, l’utopia/distopia di una lingua inventata) ho cercato di lavorare contestualmente agli incontri e al territorio. A Saint- Cirq-Lapopie ho avuto modo di collaborare con un coro e, insieme, partendo da una citazione sulla città ideale tratta dalla Politica di Aristotele1, abbiamo lavorato a una serie di azioni, immaginando una maniera di mappare immaterialmente gli spazi. A Saint-Gaudens, sempre a causa di un incontro fortuito, ho lavorato a un video indagando quelle forme verbali di comunicazione inventate dall’uomo per stabilire un contatto con l’animale. Ho registrato una lunga documentazione video di queste maniere del tutto personali di elaborare un linguaggio nuovo, talvolta riuscite talvolta fallimentari. L’idea è quella di proseguire questo lavoro anche tra in Italia e in Messico. Tolosa, infine, è stato il luogo in cui ho cercato di elaborare e di trovare una forma di conclusione sul linguaggio: in realtà, allontanandomi dalla città, sono entrata in contatto con un laboratorio artigianale di campane per animali in attività dal XVII secolo, con cui ho iniziato a progettare l’installazione per la mostra di restituzione finale.

S.M. Come concepisci il tuo ruolo nel processo di creazione contestuale? L’artista come catalizzatore? Come ricercatore?
N.F. In uno dei suoi saggi, che cito spesso perché ha influenzato fortemente il mio lavoro, Walter Benjamin distingue tra due tipologie di persone che in passato si potevano considerare “narratori”. Da una parte si trova il contadino sedentario che, vivendo in un luogo per tutta la sua vita come i suoi antenati, raggiunge la massima profondità temporale di conoscenza; dall’altro vi è il mercante viaggiatore che, avendo lungamente percorso il globo, possiede la piena consapevolezza di uno spazio. Mi è sempre interessato come alla conoscenza di una distanza, spaziale o temporale che sia, si possa associare la capacità non solo di raccontare la verità ma anche, come aggiunge Benjamin, di trovare un’evasione (che il pubblico complice concede al narratore) verso il “meraviglioso”. Nella mia pratica ambisco a questo, a raccontare la realtà per concedermi il lusso di proporre un’astrazione fantastica della stessa.

S.M. Il tuo modo di concepire un lavoro si basa spesso su modalità di collaborazione tra persone diverse. Anche in Midi-Pyrénées, il contesto è stato inteso come realtà eminentemente umana. Come hai impostato in questo caso il rapporto con i tuoi interlocutori?
N.F. Effettivamente alla base del mio lavoro cerco sempre di partire dall’ascolto, dalla narrazione, da un incontro intimo con una realtà locale. Se mi permetti una metafora con l’antropologia, il lavoro di campo è spesso determinato dagli informatori che sono, in realtà, coloro che orientano i processi a seguire.

S.M. La particolarità di Piano – alto! è, tra le altre, di essere una residenza di ricerca. Nonostante diverse forme di restituzione previste per i mesi a venire, lo scopo di queste settimane di residenza non era di produrre un lavoro, ma di immergersi in una realtà altra e nutrire la tua riflessione. È la prima volta che ti trovi a partecipare a una residenza di ricerca? Come hai affrontato questa esperienza?
N.F. In realtà anche in precedenza ero stata in residenza alla Fondazione Bevilacqua La Masa, dove avevo cominciato un percorso di ricerca più che altro teorico, legato alla distanza e alla narrazione, che ha condotto poi tutta la mia ricerca e pratica più recente: dal progetto Monte Grappa in Messico alla costituzione del Metodo Salgari. Sono quindi arrivata alla residenza Piano – alto! con l’idea d’esplorare un luogo e di cercare piste da seguire, sperimentare nuove tecniche, leggere e osservare con l’idea di tornare con un serbatoio rinnovato di materiale da trasformare.

S.M. Una residenza è anche un’esperienza di vita. Che cosa significa per te risiedere in un luogo durante un periodo di tempo limitato? Quali erano le tue attese arrivando in Midi-Pyrénées e con quale bagaglio riparti in Italia?
N.F. Una pausa, un respiro, un’opportunità per fare altro. Partivo con l’idea di esplorare un territorio che non conoscevo, di capire anche qualcosa di piccolo da quest’esperienza. Torno con molto materiale, tanti incontri, conversazioni e paesaggi. E pure qualche dubbio che è per me una bella maniera di avvicinarsi a sapere.

1 “(…) Ma c’è senza dubbio una misura di grandezza anche per lo stato, come per ogni altra cosa, animali, piante, strumenti: ognuno di questi, se troppo piccolo o troppo eccedente in grandezza, non conserverà la propria capacità, ma talvolta rimarrà assolutamente privo della propria natura, talvolta si troverà in cattive condizioni: ad esempio un’imbarcazione di una spanna non sarà affatto imbarcazione, e neppure una di due stadi, che, raggiunta una determinata dimensione, talvolta per la piccolezza, talvolta per la dismisura, pregiudicherà la navigazione. Ugualmente uno stato, quando ha troppo pochi abitanti, non è autosufficiente (e lo stato è qualcosa di autosufficiente), quando ne ha troppi, sarà autosufficiente nelle esigenze indispensabili, come una nazione, ma non sarà uno stato, perché non è facile che abbia una costituzione: chi sarà, infatti, lo stratego di una massa di gente troppo smisurata? o chi l’araldo se non ha la voce di Stentore? Quindi condizione indispensabile per l’esistenza dello stato è che abbia un numero tale di abitanti che sia il minimo indispensabile in vista dell’autosufficienza per un’esistenza agiata in conformità alle esigenze d’una comunità civile. È possibile, certo, che uno stato superiore a questo per massa di abitanti sia più grande, ma tale possibilità d’incremento, come s’è già detto, non è illimitata: quale poi sia il limite dell’incremento, si vede facilmente dall’esame dei fatti. Le attività dello stato sono talune di chi comanda, altre di chi è comandato: è funzione di chi comanda impartire ordini e giudicare i processi: ma per decidere questioni di giustizia e per distribuire le cariche secondo il merito, è necessario che i cittadini si conoscano a vicenda nelle loro qualità, poiché, ove ciò non si avvera, di necessità le faccende riguardanti le cariche e le sentenze giudiziarie vanno male, e né nell’una né nell’altra è giusto affidarsi all’improvvisazione, come invece apertamente si pratica dove c’è troppa popolazione. Inoltre stranieri e meteci potranno più facilmente partecipare ai diritti della cittadinanza giacché, dato l’eccessivo numero della popolazione, non è difficile passare inosservati. È chiaro, quindi, che il limite migliore della popolazione d’uno stato è il seguente: deve avere l’incremento massimo al fine di vivere una vita autosufficiente e deve essere facilmente abbracciata in un unico sguardo. Siano, dunque, queste le precisazioni per quanto riguarda la grandezza dello stato”. Aristotele, Politica, libro primo.

novembre 2014

Image:
Nina Fiocco, Sans titre, Saint-Gaudens, 2014. © Nina Fiocco

Project: Piano – alto!
Protagonists: Nina Fiocco, Stefania Meazza
Spaces: Maison des Arts Georges Pompidou CAC, CAC Chapelle St Jacques, BBB centre d’art

close