LAWRENCE WEINER

en - it

LAWRENCE WEINER

Born 1942, New York, NY, USA
Lives and works in New York, NY, USA

Lawrence Weiner was a key figure in the advent of conceptual art in America in the 1960s. Like other exponents of the genre, he explored and challenged traditional ideas of art, attempting to dematerialize works of art. His main medium is language: using words and the multiple materials they reference, Weiner creates open, immaterial sculptures. His works come in different forms: as written language, discourse, or physical manifestations of what is described linguistically. In 2006 Weiner created 150 copies of a work entitled Das Tor ist eng Bozen / Stretta è la porta Bolzano (The door is narrow) for Museion. The piece consisted of a fabric label to attach to clothes-wearable art. The label bears a quote in Italian and German from the Gospel According to Matthew, while the colors used (red and white) recall both the Italian flag and the South Tyrol coat of arms. This limited-edition work once again shows the close bond between materials and words that characterizes the artist’s modus operandi: the message, with its reference to the narrow gate, evokes both a physical and/or geographical passageway and a metaphorical path that, despite its difficulties, can lead the way to a better existence.

Nato a New York, NY, USA, nel 1942
Vive e lavora a New York, NY, USA

Lawrence Weiner è una figura chiave nella nascita dell’arte concettuale, negli Stati Uniti degli anni ’60. Al pari di altri esponenti di quella corrente, ha indagato e sfidato la nozione tradizionale di arte, tendendo alla smaterializzazione dell’opera. Il mezzo espressivo principale dell’artista è il linguaggio. Servendosi delle parole, e di molteplici materiali a cui esse rimandano, Weiner crea per esempio sculture aperte e immateriali. I suoi lavori si presentano in diverse forme: come lingua scritta o manifestazione fisica del contenuto descritto linguisticamente. Nel 2006, Weiner realizza per Museion un’opera in centocinquanta esemplari intitolata Das Tor ist eng Bozen / Stretta è la porta Bolzano.
Si tratta di un’etichetta di stoffa da applicare all’interno dei vestiti, dunque è un’opera da indossare. La scritta sul tessuto è la citazione, in italiano e tedesco, di un versetto del Vangelo di Matteo, mentre i colori utilizzati (bianco e rosso) richiamano sia la bandiera italiana sia lo stemma altoatesino. Anche questo lavoro in edizione limitata dimostra la stretta connessione tra materiale e vocaboli, caratteristica della produzione dell’artista: l’opera, infatti, evoca un passaggio da attraversare, sia fisico e/o geo- grafico sia metaforico, ovvero la volontà di percorrere un cammino che, malgrado le difficoltà, può forse portare a una condizione migliore.

Project: Soleil politique

close