KP BREHMER

en - it

KP BREHMER

Born 1938, Berlin, Germany
† 1997, Hamburg, Germany
Klaus Peter Brehmer, who went by the name of KP Brehmer as a reference to DKP, the German Communist Party, was one of the leading exponents of the German art movement Capitalist Realism. Interested in giving art a more dynamic role in everyday life and society, Brehmer analyzes in his works the growing presence of the media and media language in Western consumerist society. His oeuvre spans painting, graphics, books, films, musical arrangements, and installations. The famous series Korrektur der Nationalfarben, gemessen an der Vermögensverteilung (Correction of national colors according to distribution of wealth) uses recognizable graphic elements such as colors, charts, and diagrams to elicit a reflection on the way in which society’s visual systems influence the individual. The two crossed flags form a portrait of German society, its social changes and political tendencies. The colors are proportioned to convey various statistics on the distribution of wealth in the country. The left-hand flag interprets data from 1970, dividing German families into three income brackets represented by the national colors: red for those earning less than 1500 marks, black for those earning between 1500 and 3000 marks, and yellow for those taking home more than 3000 marks. The right-hand flag uses the same colors to represent the increase in per capita earnings between 1950 and 1969 according to occupation: black for white-collar workers, red for bluecollar workers and pensioners, and yellow for professionals. The fact that the two flags are crossed over represents the inextricable link between social class and distribution of wealth.

Nato a Berlino, Germania, nel 1938
† 1997, Amburgo, Germania
Klaus Peter Brehmer, diventato KP Brehmer in riferimento all’acronimo del partito comunista tedesco, DKP, è stato uno dei maggiori esponenti della corrente tedesca denominata “Realismo capitalista”. Interessato a rendere più dinamico il ruolo dell’arte nella vita quotidiana e nella società, Brehmer analizza nelle sue opere la crescente presenza dei media e del loro linguaggio nella società consumistica occidentale. Le sue ricerche trovano forma in lavori pittorici e grafici, in pubblicazioni, film, arrangiamenti musicali e installazioni. Korrektur der Nationalfarben, gemessen an der Vermögensverteilung (Correzione dei colori nazionali, in rapporto alla distribuzione del reddito) è una serie di opere nelle quali, attraverso codici grafici riconoscibili come colori, didascalie e diagrammi, l’artista invita lo spettatore a riflettere sul modo in cui i sistemi visivi della società influenzino l’individuo. Due bandiere incrociate diventano il ritratto della società tedesca e, al contempo, l’interpretazione degli sviluppi sociali e delle tendenze politiche al suo interno. I colori e la superficie delle bandiere veicolano una serie di informazioni statistiche sulla distribuzione del reddito in Germania. Nella bandiera di sinistra, che fa riferimento al 1970, le famiglie tedesche sono suddivise in base al loro reddito in tre fasce, identificate dai tre colori nazionali: rosso per chi guadagna meno di 1500 marchi, nero per redditi compresi tra i 1500 e i 3000 marchi, giallo per oltre i 3000 marchi. La bandiera di destra, utilizzando gli stessi tre colori, indica la crescita del reddito pro capite tra il1950eil1969inbasealtipodi attività svolta: nero per gli impiegati, rosso per gli operai e i pensionati, giallo per i lavoratori autonomi. L’intersecarsi delle due bandiere vuole rappresentare la stretta relazione che esiste tra la distribuzione della ricchezza e l’appartenenza a una determinata classe sociale.

Project: Soleil politique

close