Goldschmied & Chiari

en - it - fr

Goldschmied & Chiari

CAP-Goldshmied Chiari-009

Goldschmied & Chiari, La démocratie est illusion, 2014

Sara Goldschmied born 1975, Vicenza, Italy and Eleonora Chiari born 1971 Rome, Italy
Live and work in Rome and Milan, Italy
Goldschmied & Chiari (formerly Goldiechiari) was founded in 2001 by Sara Goldschmied and Eleonora Chiari. Using installation, video and photography, they explore the concepts of history and memory in terms of the division between amnesia and deletion/reconstruction and reflection. Analyzing specific moments in recent political history, they demonstrate the opacity of memory, together with the strategies employed to wipe out truths or create new ones. They focus too on sexuality and female identity interpreted as the products of real and imaginary experiences imposed by society and the ambient culture.
They have had solo exhibitions at MACRO in Rome, Museion in Bolzano and Centro d’Arti Visive Pescheria in Pesaro, Italy. The duo has also taken part in numerous group shows in venues like Castello di Rivoli, Torino (2012), the MoCA Shanghai (2010), Museo de Arte Contemporaneo in Córdoba (2007), the Musée de Grenoble (2007) and Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (2007). Their work has been presented at the biennials in Venice (2009), Tel Aviv (2010) and Dublin (2011).

Image:
Goldschmied & Chiari, La démocratie est illusion / La democrazia è illusione. Photo: Aurélien Mole, 2014

Project: La démocratie est illusion
Focus: For secret eyes only. Marcella Beccaria in conversation with Goldschmied & Chari

 

Goldschmied & Chiari è un duo di artiste fondato nel 2001. Le loro opere esplorano i concetti di storia e di memoria al confine tra amnesia e cancellazione, tra ricostruzione e rimosso. Analizzando specifici momenti della storia recente, dimostrano l’opacità della memoria e le strategie impiegate per insabbiare la verità e costruirne altre narrazioni. Ugualmente nella loro ricerca concentrano il proprio sguardo sulla sessualità e l’identità femminili, interpretate come il prodotto di esperienze reali e immaginarie imposte dalla società e dalla cultura. Le loro opere sono state esposte al MACRO di Roma, al Museion di Bolzano e al Centro d’arti visive Pescheria di Pesaro, al Museo di arte contemporanea di Cordoba, al MOCA di Shangai, al MAMbo di Bologna e al Castello di Rivoli di Torino. Hanno partecipato alla Biennale di Venezia (2009), Tel Aviv (2010) e Dublino (2011). Hanno vinto il Premio dei giovani artisti italiani del Castello di Rivoli nel 2012.

 

Goldschmied & Chiari est un duo d’artistes fondé en 2001 par Sara Goldschmied et Eleonora Chiari. Leurs œuvres proposent une recherche sur les concepts d’histoire et mémoire, clivées entre amnésie et effacement, reconstruction et réflexion. Elles ont analysé des moments spécifiques de l’histoire politique récente, en montrant visuellement l’opacité du souvenir et les stratégies utilisées pour effacer des vérités ou en créer des autres. Elles touchent également aux thèmes liés à la sexualité et à l’identité féminine, interprétées comme le produit d’expériences réelles et imaginaires imposées par la société et la culture. Leur travail a fait l’objet d’expositions au MACRO (Rome), Museion (Bolzano), au Centro d’Arti Visive Peschiera (Pesaro), au Museo de Arte Contemporaneo (Cordoue), au MOCA (Shanghai), au MAMbo (Bologne) et au Castello di Rivoli (Turin). Elles ont participé aux Biennales de Venise (2009), Tel Aviv (2010) et Dublin (2011). Elles sont lauréates du Prix des Jeunes Artistes Italiens du Castello di Rivoli en 2012.

close
en - it - fr

Marcella Beccaria in conversation with Goldschmied & Chiari

 FOR SECRET EYES ONLY

With great coherence, Goldschmied & Chiari have been investigating the role of women artists born in Italy, a country where contradictions seem endless and belonging to a specific historical time in which events, spread around through the web sometimes even before they take place, relentlessly shake off the concreteness of reality, redrawing the concept of truth. In recent years, Goldschmied & Chiari have also investigated the idea of the nation, and, focusing on facts which Italians seem to prefer to forget, produced Genealogia di damnatio memoriae. The series consists of tall trees on which the artists carved lists of dates and places to represent the sequence of tragic events that run in Italian history. I meet the artists in the gardens of the Castle of Rivoli, where the three trees, which they worked on for the exhibition La storia che non ho vissuto [History I did not live through] in 2012, are planted.

rivoli

1. Genealogia di damnatio memoriae Torino 1965-1982, 2012

Marcella Beccaria I often find myself watching how visitors behave when facing these works. The connection with the tragic reality that each tree tells – from the terrible events occurred in Italy from 1969 up to the killing of Pasolini, and then the series of murders at the hands of the Red Brigades in Italy – often happens gradually, as if history revealed itself slowly, and only to those who really care for it.

gen_5

2. Genealogia di Damnatio Memoriae 1965-1981, 2009

Goldschmied & Chiari Genealogie di damnatio memoriae are a series of works we worked on for four years, from 2009 to 2013. They consist of trees which have been carved but are living, hence still enduring seasonal changes and the normal growth and life of trees, suggesting a relationship with history in constant evolution and change. It is this relationship that we address and which involves, as you noted, the development of a certain kind of relationship with the people who come into contact with the works – something that entails a gradual unveiling.M.B. Last year there was a further evolution, I would say. New works that expand to investigate the history of Europe and a new type of relationship with the visitor, whom I think you aim to “captivate” in an almost etymological sense of the term and with many references to the performances of early century illusionists.

G.&C. Research on Italian history of the seventies led us to explore the countless international geopolitical connections related to the Western bloc strategies during the Cold War. Following these connections, we often came across the strong influence and the role of intelligence agencies in defending the State and interfering with the domestic politics and the agenda of countries belonging in the Atlantic Pact. This way of acting behind the scenes of democracy – bypassing the eyes of citizens with cunning cover-up tricks and manipulating information – has many similarities with the way illusionists, through their stage machines, speed of action and clever talk enact their trickeries.

M.B. So the result of your interest for the two activities is the large installation Hiding the Elephant, which you presented in Brest?

G.&C. Yes, with the title intended in the literal sense. The work refers to the extraordinary performance which the illusionist Harry Houdini held in 1918 at the Hippodrome in New York, where he made an elephant disappear in front of a crowd of thousands. Our work consists of 160 two-dimensional head silhouettes suspended in midair. Each has its twin, carrying on one side a digital portrait and on the other a mirror surface. All the characters portrayed are presidents, politicians, poets and journalists who “mysteriously” disappeared, were exiled or persecuted for political reasons during the cold war, and victims of international actions by Western intelligence agencies. Like in a magic trick, these face silhouettes hang at different heights, and when moving produce different shadow and light effects on the walls.

2013-goldiechiari-WORKS-web-16

3. Dispositivo di rimozione #5, 2010

M.B. One has to stop in the exhibition room for a while to make contact with this work.

G.&C. Once in a while, the area around the work is filled with dense smoke which conceals the faces, making them hazy and unrecognizable. Then the smoke gradually vanishes, revealing the faces clearly. In this installation, the metaphor of Houdini’s trick is staged via the smoke, the light, and the reflections of the mirrors, reproducing the disappearance/removal of the history of the characters portrayed and the covert actions in which they were involved.

M.B. In this exhibition the idea of illusion also includes the way in which the different works engage with each other. There are “magic boxes” that reflect in large mirrors, with smoke appearing to seep out of the boxes themselves and entering the reflected world, and there are “tricks” that seem to hark back to the dawn of the history of cinema.

G.&C. Yes, it’s as if the works were in constant interaction with each other, and changed with time and the viewers. Using mirror as the material of choice for many of the works makes the show relational and open to the constant change of context. La démocratie is always changing depending on weather and daylight. The face silhouettes of Hiding the Elephant revolve on themselves, and lit by direct light they cast shadows and send reflections all over the room, sometimes blinding visitors for a few seconds, creating an effect of movement and life in the installation itself. The reflections also find their way into the other room, casting shadows on the Fragments (2014) video and on the Medusa Mirrors (2014). The Boîtes Magiques [Magic Boxes] (2014) are in turn reflected in the smoke-stained mirrors, creating the illusion that the colored smoke is seeping through the boxes while it is instead actually smeared on the surface of the Medusa Mirrors.

M.B. In Brest the exhibition route begins with a strong statement, La démocratie est illusion, written with large reflecting letters in an almost gothic typeface. Where does the quote come from?

G.&C. This is the first work of the series, and was born as a watercolor, to be then transformed into an installation, and finally into the title of the Brest and Genoa exhibitions. La démocratie est illusion [Democracy is an illusion] (2014), located at the entrance of the exhibition, challenges the visitor and introduces the installation Hiding the Elephant. The reflecting surface of the letters produces an optical effect, making them appear like windows into another dimension, as if there were a twin room on the other side of the wall, forcing the viewer to look carefully and not to be deceived by appearances. What we like to explore is the similarity in the practice of deception and illusion in representing reality between stage magic and intelligence agency procedures. By making his trick realistic, the magician deceives the spectator and makes him blind to the stage, producing a sense of childlike wonder and disbelief. The relationship between stage magic and intelligence agency procedures is that the public wants to be other-directed, it does not want to find out about the trick. The question lies in the “the difference between believing and seeing, between believing one sees and seeing between, catching a glimpse – or not” (Jacques Derrida).

Project: La démocratie est illusion
Protagonists: Goldschmied & Chiari
Spaces: Passerelle Centre d’art contemporain, Villa Croce Museo d’Arte Contemporanea

 

Con grande coerenza, da anni Goldschmied & Chiari indagano il loro ruolo di artiste donne, figlie di un Paese come l’Italia, nel quale le contraddizioni sembrano inesauribili e di un preciso tempo storico nel quale gli eventi, diffusi attraverso il web talvolta ancora prima di accadere, si scrollano con insistenza dalla concretezza del reale, ridisegnando il concetto di verità. In anni recenti, Goldschmied & Chiari si sono interrogate sull’idea di nazione, e soffermandosi su fatti che gli italiani sembrano preferire dimenticare, hanno realizzato Genealogia di damnatio memoriae. La serie consiste in alberi di alto fusto sui quali le artiste incidono nella forma di elenchi di date e luoghi la tragica sequenza di sangue che corre nella storia italiana. Incontro le artiste nel giardino del Castello di Rivoli, dove sono piantati i tre alberi che hanno sviluppato nel 2012, in occasione della mostra La storia che non ho vissuto.

Marcella Beccaria Spesso mi ritrovo ad osservare come i visitatori si comportano davanti a queste opere. L’incontro con la tragica realtà che ciascun albero racconta – dalla sequenza di stragi accadute in Italia dal 1969 fino all’assassinio di Pasolini e poi la serie di omicidi ad opera delle Brigate Rosse a Torino – è spesso graduale, è come se la storia si svelasse lentamente, e solo per coloro che davvero la cercano.

Goldschmied & Chiari Le Genealogie di damnatio memoriae sono il ciclo di opere alle quali abbiamo dedicato gli ultimi quattro anni di ricerca, dal 2009 al 2013. Sono alberi viventi intagliati, come tali sono suscettibili alla trasformazione data dal ciclo delle stagioni e dalla crescita e dalla vita dell’albero, suggerendo un rapporto con la Storia in continua evoluzione e cambiamento. È questa relazione che ci interessa e che include, come dici, lo sviluppo di un certo tipo di relazione con chi incontra l’opera, pensando proprio a uno svelamento graduale. 

M.B. Lo scorso anno c’è stata un’evoluzione ulteriore direi. Nuove opere che si allargano a indagare la storia europea e un nuovo tipo di relazione con gli spettatori, che mi sembra vogliate “accattivare”, nel senso quasi etimologico del termine e con molteplici riferimenti alle pratiche degli illusionisti di inizio secolo.

G.&C. La ricerca sulla storia italiana degli anni Settanta ci ha portato a esaminare la molteplicità di connessioni geopolitiche internazionali connesse alle strategie del blocco occidentale durante la guerra fredda. Seguendo queste connessioni ci siamo imbattute più volte nella forte influenza e nel ruolo dei servizi segreti nella difesa dello Stato e nelle ingerenze nel determinare la politica interna e l’agenda degli Stati appartenenti al patto atlantico. Questo modo di agire dietro le quinte della democrazia – aggirando lo sguardo della cittadinanza con abili trucchi di insabbiamento e manipolazione dell’informazione – ha molte similitudini con la pratica e il modo di operare degli illusionisti che attraverso macchine sceniche, velocità d’azione e affabulazione mettono in scena i propri prestigi.

M.B. Quindi il risultato dell’interesse per le due pratiche è la grande installazione Hiding the Elephant che avete presentato a Brest?

G.&C. Si, con il titolo inteso in senso letterale: occultando l’elefante. L’opera si riferisce alla spettacolare performance del mago Harry Houdini che nel 1918 all’ippodromo di New York fece scomparire un elefante di fronte a migliaia di spettatori. L’opera consiste di 160 sagome di teste bidimensionali, sospese nello spazio espositivo. Ognuna di esse ha la sua gemella, composta su un lato da un ritratto fotografico digitale e sull’altro da una superficie specchiante. Tutti i personaggi ritratti sono presidenti, politici, poeti e giornalisti “misteriosamente” scomparsi, esiliati o perseguitati durante la guerra fredda per motivi politici e vittime di operazioni internazionali dei servizi segreti occidentali. Come in un trucco magico, queste silhouettes di volti sono sospese a diverse altezze e si muovono producendo differenti effetti di proiezione di ombre e luci sulle pareti.

M.B. Bisogna sostare per un po’ nella sala espositiva per entrare in contatto con questo lavoro.

G.&C. Ciclicamente lo spazio dell’opera è invaso da un fumo denso che nasconde i volti e li rende confusi e irriconoscibili. Il disvelamento avviene dopo pochi minuti di attesa, nei quali pian piano il fumo si dirada, mostrando chiaramente i visi. Nell’installazione la metafora dell’illusione di Houdini viene messa in scena grazie al fumo, alla luce e alle riflessioni degli specchi, riproducendo la sparizione/rimozione della storia dei personaggi ritratti e delle operazioni segrete nelle quali erano coinvolti.

M.B. In questa mostra l’idea di illusione include anche il modo in cui le diverse opere entrano in relazione le une con le altre. Ci sono “scatole magiche” che si riflettono in grandi specchi, con l’illusione che del fumo esca dalle stesse scatole ed entri nel mondo riflesso, ci sono “trucchi” che sembrano guardare anche agli albori della storia del cinema.

G.&C. Si, è come se le opere fossero in continuo dialogo fra loro e cambiassero con il passare degli spettatori e del tempo. La scelta di utilizzare lo specchio come materiale di molti dei lavori rende la mostra relazionale e suscettibile al continuo cambiamento del contesto. La démocratie si modifica continuamente a seconda delle condizioni atmosferiche e della luce del giorno. Le silhouettes dei visi di Hiding the Elephant ruotano su sé stesse, illuminate da una luce diretta producono ombre e riflessioni in tutta la sala accecando a volte per pochi secondi lo spettatore, producendo un effetto di movimento e vita dell’installazione stessa. Le riflessioni invadono l’altra sala e proiettano le loro ombre sul video Fragments (2014) e sugli specchi Medusa Mirrors (2014). Le scatole magiche (Boîtes Magiques, 2014) si riflettono a loro volta negli specchi stampati con fumo, creando l’illusione nella riflessione che siano le scatole stesse a produrre il fumo colorato stampato sulla superficie dei Medusa Mirrors.

M.B. A Brest il percorso della mostra inizia con una dichiarazione forte, La démocratie est illusion, che avete sviluppato con grandi lettere specchianti, in grafia quasi gotica. Da dove viene la citazione?

G.&C. Si tratta del primo lavoro della serie e nasce come acquerello, successivamente viene trasformato in una installazione e nel titolo della mostra di Brest e Genova. La démocratie est illusion (2014), che si trova all’ingresso del percorso espositivo, provoca lo spettatore e lo introduce all’installazione Hiding the elephant. La superficie specchiante produce un effetto ottico, nel quale le lettere sembrano l’ingresso per un’altra dimensione, come se ci fosse una sala gemella al di là del muro. Sfida lo spettatore a guardare attentamente e a non farsi ingannare dalle apparenze.
Ciò che ci interessa è la similitudine nella pratica dell’inganno e  dell’illusione nella rappresentazione della realtà da parte della magia scenica e della politica dei servizi segreti. Rendendo il trucco realistico, il mago inganna lo spettatore e lo rende cieco di fronte al palco, restituendo una sensazione di stupore infantile e incredulità. La relazione tra la magia e le pratiche dei servizi segreti sta nel fatto che il pubblico vuole essere etero-diretto, non vuole scoprire il trucco. La questione si gioca nella “differenza tra credere e vedere, tra credere di vedere e intravedere o meno” (Jacques Derrida).

Images:
1. Goldschmied & Chari, Genealogia di damnatio memoriae Torino 1965-1982, 2012. Courtesy Catsello di Rivoli
2. Goldschmied & Chari, Genealogia di Damnatio Memoriae 1965-1981, 2009
3. Goldschmied & Chari, Dispositivo di rimozione #5, 2010

close