Gianluca d’Incà Levis

en

Gianluca d’Incà Levis

Gianluca_D_Inca_Levis

Gianluca d’Incà Levis is the creator and curator of Dolomiti Contemporanee, and the director of the New Venue of Casso/Nuovo Spazio Espositivo di Casso.
Since 2010, he has been launching a series of curatorial projects that link contemporary art, recovery of industrial or civil disused sites, and mountains. The idea of producing innovative images is central, working on the natural environment in a critical and projective manner, and rejecting the stereotypical readings. Starting from 2014, he has been carrying out a study at the Cà Foscari University of Venice’s Department of Management, on the following subject: Cultural entrepreneurship and creative industries as factors of local development. Branding of the territories and creative regeneration. Rethinking nature and the industrial landscape through contemporary art.

Project: Piano – alto!
Space: Dolomiti Contemporanee

close
en

VINCENT HONORÉ IN CONVERSATION WITH GIANLUCA D’INCÀ LEVIS, DOLOMITI CONTEMPORANEE

VINCENT HONORÉ IN CONVERSATION WITH GIANLUCA D’INCÀ LEVIS, DOLOMITI CONTEMPORANEE

Vincent Honoré Can you introduce Dolomiti Contemporanee, its history, missions and programmes?
Gianluca d’Incà Levis Dolomiti Contemporanee is a cultural platform which works for the redefining of the meaning and fruition of the physical and mental contexts with which it comes in contact. Art, every kind of art – art in general – is the most performative instrument in the battle for the constant re-definition of the meaning of things and of their raison d’être. This battle is one of the few raison d’être, indeed, that the human possesses should it not content itself with static definitions and approaches based on other people’s experiences. The project was born in 2011, and operates in the context of the UNESCO Dolomites, re-activating great abandoned sites (industrial archaeology compounds, locations symbol of closure and death, which are transformed, through innovative art and culture, in open “constructions sites”).

V.H. How do you think a residency can benefit an artist?
G.D.L. Artists are a sensitive selectors. They seize stimuli, and re-broadcast them. The more the external contest is stimulating, the stronger and profound the resonances created in them may be. The residency project gives the artist a chance to come in contact with new contexts. The dolomitic contexts, made of rock, verticality, environment and nature, thin air, great exhumed architectures, which we reactivate, are exceptionally incentivized in that sense.

2. New Venue of Casso

V.H. How do you foresee the future of an institution like yours in a context in which globalised museums and institutions become such powerful players, absorbing all energies, audiences and funding?
G.D.L. Dolomiti Contemporanee isn’t an institution. It is an experimental project, which questions once again the manner of approach to the territory, the sites, the spaces, the thoughts, the meaning of the artistic endeavour and the curatorial practices, and the relationship between all these things. It  isn’t at all possible for the cultural contexts to be completely cannibalized by the institution, the museums, the “powerful players”. There’s always room for those who want to innovate. Thus, the more the system will become organized, the more space there will be for subversive, or simply critical, projects.

V.H. Is it an advantage to have a nomadic structure, that has to find new space all the time for its projects?
G.D.L. It is not a question of advantages. Changing constantly is hard. But, this way, we’re declaring not to be in search of a “house for the arts”. Art doesn’t need a house. It is pervasive, universal, mobile, liquid. We’re not interested in managing, arranging a structure, and setting up “art exhibits” inside it. We’re interested in taking care of the places, reflecting on the landscape, putting it in motion. Every time we face a new site, we do it because it makes sense, it is necessary, to bring a system of re-activation in that site, which is always a great dead location, that we believe must be exhumed, transformed, regenerated. However, we settle in some sites for at least 3-4 years (Casso, Borca). Thus, we’re not perfectly nomadic either. The format isn’t defined: it changes in relation to the locations, which are always different. But the project is extremely clear, and stable. It opens closed contexts. It assaults inertias, and ideational laziness. It proves that every good idea, when pursued rigorously, can be successful.

3. New Venue of Casso

V.H. PIANO intends to create a network of art spaces working together, exchanging and interacting. Why did you decide to join the project and how are you participating in it?
G.D.L. Dolomiti Contemporanee, as a project, has its founding in the idea of network. In four years (DC was created in 2011), we’ve worked with over 400 public, private, productive, cultural, artistic partners. The basis of our “diet” is relational. Every good network interests us. The project isn’t at all limited to the Dolomites. That is where it started, where we continuously welcome artists and people (Residency), and from where it steps out all the time, through partnerships, relationships, exchanges, in Italy and abroad. PIANO’s plan, the idea of the project, seemed good, stimulating. We’ve gladly decided to take part in it all. The only regret was the complete lack of participation of the public Italian institutions. But in Italy the art system doesn’t work, that is a well known fact. Thus, we’ve taken part in the Piano-Alto! project. A few French artists have been DC’s guests in the residency projects of Casso and Borca. A few Italian artists have worked, instead, in the French art centres that are partners of the project. In the next weeks and months, the results of their research will be presented. Moreover, we’ve included in the PIANO platform one of our projects: “Two calls for Vajont”, a complex and important international artistic contest (www.twocalls.net). We hope that the French artists will decide to take part in it. This would be another marker of the fact that the cultural network really has worked, through the sharing of the platforms.

www.dolomiticontemporanee.netwww.twocalls.netwww.progettoborca.net

Space: Dolomiti Contemporanee
Protagonist: Gianluca D’Incà Levis
Project: Piano – alto!

Vincent Honoré Puoi presentare Dolomiti Contemporanee, la sua storia, la sua mission e il suo programma?
Gianluca d’Incà Levis Dolomiti Contemporanee è una piattaforma culturale che mira alla ridefinizione del significato e della fruizione dei contesti fisici e mentali con cui entra in contatto. L’arte, di ogni genere, l’arte in generale è lo strumento più performativo nella lotta per la costante ridefinizione del significato delle cose e della loro ragion d’essere. Questa lotta è in effetti una delle poche ragioni d’essere che l’uomo possiede per non accontentarsi di definizioni e approcci statici basati sull’esperienza altrui. Il progetto è nato nel 2011 e si colloca nel contesto delle Dolomiti, sito protetto dall’UNESCO, riattivando importanti luoghi abbandonati (siti di archeologia industriale, luoghi simbolo di chiusura e morte, che vengono trasformati attraverso l’innovazione dell’arte e della cultura in “cantieri” aperti).

V.H. In che modo, secondo te, un artista può sfruttare l’esperienza di una residenza?
G.D.L. Gli artisti fanno le loro scelte con sensibilità, colgono gli stimoli e li riproducono. Più è stimolante il contesto esterno, più forti e profonde possono essere le risonanze create in loro. Il progetto di residenza dà all’artista l’occasione di entrare in contatto con spazi nuovi. Il contesto delle Dolomiti, fatto di roccia, verticalità, ambiente e natura, aria fine, grandi architetture riesumate e riattivate, è incredibilmente stimolante in questo senso.

V.H. Come immagini il futuro di un’istituzione come Dolomiti Contemporanee in un contesto in cui musei e istituzioni globalizzati assumono un crescente potere, assorbendo tutte le energie, le categorie di pubblico e le risorse economiche?
G.D.L. Dolomiti Contemporanee non è un’istituzione. È un progetto sperimentale, che mette in discussione ancora una volta l’approccio al territorio, i luoghi, gli spazi, i pensieri, il significato dell’attività artistica e delle pratiche curatoriali, e le relazioni tra tutti questi elementi. Non è possibile che i contesti culturali siano completamente cannibalizzati dalle istituzioni, dai musei, dai player più potenti. C’è sempre spazio per coloro che vogliono innovare. Più il sistema diventerà organizzato, più spazio ci sarà per i progetti sovversivi o semplicemente critici.

V.H. Avere una struttura nomade, che ha bisogno di trovare ogni volta una nuova sede per accogliere i suoi progetti, rappresenta un vantaggio?
G.D.L. Non si tratta di una questione di vantaggi. Cambiare continuamente è difficile. Ma in questo modo affermiamo di non essere in cerca di una “casa per le arti”. L’arte non ha bisogno di una casa. È pervasiva, universale, mobile, liquida. Non ci interessa gestire, organizzare una struttura e allestire “mostre” al suo interno. Ci interessa “prenderci cura dei luoghi”, riflettendo sul paesaggio, mettendolo in moto. Ogni volta che affrontiamo un sito nuovo, lo facciamo perché ha senso, è necessario portare in questo specifico luogo abbandonato, che noi crediamo debba essere riesumato, trasformato, rigenerato, un sistema di riattivazione. Ci stabiliamo in determinati luoghi per periodi di 3-4 anni (Casso, Borca), per cui non siamo esattamente nomadi. Il format non è definito, ma cambia in relazione ai luoghi, sempre diversi. Ma il progetto è estremamente chiaro e stabile e consiste nell’aprire contesti chiusi, aggredire l’inerzia e la pigrizia mentale. Esso testimonia che ogni buona idea, se perseguita con rigore, può avere successo.

V.H. PIANO mira a creare una rete di spazi artistici che lavorino insieme, attraverso processi di scambio e interazione. Perché avete deciso di aderire al progetto e come si realizza la vostra partecipazione?
G.D.L. Il progettoDolomiti Contemporanee si basa sull’idea della rete. In quattro anni (DC è stato creato nel 2011), abbiamo lavorato con oltre 400 partner pubblici, privati, produttivi, culturali e artistici. La base della nostra “dieta” è relazionale. Tutte le buone reti ci interessano. Il progetto non è affatto limitato alle Dolomiti. Parte da qui, dove accoglie con continuità artisti e persone (attraverso il programma di residenza), e da qui si muove costantemente, attraverso partnership, relazioni, scambi sia in Italia sia all’estero. Il programma di PIANO, l’idea del progetto, sembrava buona, stimolante. Abbiamo deciso con piacere di prendervi parte. L’unico dispiacere riguarda la totale mancanza di partecipazione delle istituzioni pubbliche italiane. Ma in Italia il sistema dell’arte non funziona, è un fatto noto. Abbiamo quindi preso parte al progetto Piano – Alto!. Alcuni artisti francesi sono stati ospiti di DC nei progetti di residenza di Casso e di Borca, mentre altri artisti italiani hanno lavorato nei centri d’arte francesi partner del progetto. Nelle settimane e nei mesi che verranno, saranno presentati i risultati delle loro ricerche. Inoltre abbiamo inserito nel progetto PIANO uno dei nostri progetti, Two Calls for Vajont, un importante e complesso concorso artistico internazionale (www.twocalls.net). Speriamo che gli artisti francesi decidano di parteciparvi, perché ciò rappresenterebbe un altro segno del fatto che, attraverso la fusione delle piattaforme, la rete culturale ha funzionato.

www.dolomiticontemporanee.netwww.twocalls.netwww.progettoborca.net

Images:
1-3. New Venue of Casso

close