Daniele Pezzi

en - it - fr

Daniele Pezzi

Daniele Pezzi, Tutulma, 2010-2013

Daniele Pezzi, Tutulma, 2010-2013

Born 1977, Ravenna, Italy
Lives and works in Ravenna, Italy
His work is mainly constituted of videos, while photos, sculptures, and paintings are often the result of the film’s production process. The themes that he is working on are linked to nomadism (as the dangerous alternative to belligerent stillness), to archeology and anthropology (as the disciplines that study the hidden past, and perhaps contribute to a re-writing of history itself), and to environmental psychology (of both the fictional characters as well as the spectators themselves). The screenplays are more similar to lists of ideas, instructions and short tales, and are discussed together with actors and further adapted to the surrounding landscapes and architectures. The finished work is the result of an open process of mediation in which the author considers himself as a catalyzing agent.

Project: Piano – alto!

 

(1977, vive e lavora a Ravenna) La sua produzione è costituita prevalentemente da lavori video, mentre le foto, le sculture e le pitture sono spesso il risultato del processo di produzione filmico. I temi su cui lavora costantemente sono connessi ai concetti di nomadismo (in quanto alternativa pericolosa alla stanzialità belligerante), all’archeologia e antropologia (in quanto discipline di comprensione del passato remoto, e che contribuiscono alla riscrittura della storia), e alla psicologia dello spazio (sia dei personaggi che popolano i lavori, sia degli spettatori che li vedranno). Le sceneggiature sono in realtà elenchi di idee, istruzioni e racconti brevi che vengono discusse con gli attori e rielaborate anche in relazione all’architettura o al paesaggio che li circonda. Il lavoro concluso è quindi il risultato di un processo aperto di mediazione in cui l’autore si considera come catalizzatore.

 

Né en 1977, vit et travaille à Ravenna. Sa production est constituée principalement de vidéos, les photographies, les sculptures et les peintures étant le résultat du procédé de production filmique. Les thèmes qui animent sa recherche touchent au nomadisme (comme alternative dangereuse à la sédentarité belligérante), à l’archéologie et l’anthropologie (disciplines de la compréhension du passé lointain, qui contribuent à la réécriture de l’histoire) et à la psychologie de l’espace (celle des personnages qui peuplent ses travaux ainsi que des spectateurs qui les regardent). Les scénarios sont en fait des listes d’idées, instructions ou brèves narrations qui font l’objet d’une discussion avec les acteurs et sont ensuite adaptées en fonction de l’architecture et du paysage qui les entourent. Le travail achevé est donc le résultat d’un processus ouvert de médiation dans lequel l’auteur incarne le rôle de catalyseur.

Daniele Pezzi raconte des histoires inspirées par la vision d’un nomadisme absolu : il est partout ailleurs et chez lui à la fois. Les personnages de ses films sont joués par des gens rencontrés sur place et qui l’introduisent aux usages et aux mythologies des lieux. Construite dans un processus de dialogues avec les protagonistes, la narration s’installe et erre dans les paysages et les architectures perçus comme des espaces mentaux et philosophiques.

Martine Michard
décembre 2014

Image:
Daniele Pezzi, Tutulma, 2010-2013, video still HD. Courtesy of the artist

close
en - it - fr

ANDREA BRUCIATI IN CONVERSATION WITH DANIELE PEZZI

ANDREA BRUCIATI IN CONVERSATION WITH DANIELE PEZZI

Andrea Bruciati Hi Daniele, could you tell me about the spirit with which you are going about this experience?
Daniele Pezzi First, the residence I was selected for is somewhat atypical: I will spend 45 days staying at three art centers located in the region of Midi-Pyrénées. In each of these (in order of time: Maison des Arts Georges Pompidou in Cajarc, Chapelle St Jacques in Saint-Gaudens, and BBB in Toulouse), I will spend 15 days. The residence theme focuses on movement and utopia, both from a practical point of view (the experience of the artist who has to bring together within the project the various art centers involved, which are physically distant from each other), and from the point of  view of theory (hence the choice of selecting my work method for this residence). These characteristics and associated limitations represent the challenge that I have to face and the stimulus to imagine possible solutions.

ALPEGGIO

A.B. What process/project do you intend to develop?
D.P. In the project, I want to continue to study unexpected solutions for the fusion between reality and fiction: I shall follow a process that I have been developing in the last few years, through a series of videos designed and produced while constantly on the move. A variable condition in which it is impossible to work according to a screenplay or a rigid schedule; it is not possible to predict the weather, the difficulties of accessibility of a given location, the physical limitations etc. Unlike previous projects, which unfolded gradually during the course of the work, this time I was forced to define in advance a range of possibilities and potentialities from which to draw to make the most of the short time available. If I were to give a title to the shapeless mass of ideas, techniques and scenes that make up the project at this time, it could be “The Unmasking”.

ROADS-ENDING1

A.B. Specifically, what is it about?
D.P. In every location of the residence I will select one or more volunteering actors (professional and amateur) with whom to activate a process of definition of the character that they will interpret. I am interested in a fully collaborative approach in which I put aside the control ravings typical of the ‘dictauthor’. The result of these meetings will be characters sprouting naturally from a compromise between my idea, the personality of the interpreter and the limitations of the context in which we will take action. For several years, I’ve been working on a wandering figure who observes the contexts it goes through, and at the same time struggles with having to adapt to the changing environmental conditions.

ROADS-ENDING2

A.B. A sort of almost plastic metamorphosis on the one hand, and a Zelig-style changing character on the other.
D.P. As the scenery, the temperature, the architecture change, so does the character, psychologically (varying its mood and dramatics) but also physically (because played by different actors). The character becomes a flexible and pliable being that each time becomes other than itself; while retaining a few elements of resemblance, such as clothes style, physical aspect, etc., depending on the situation his/her attitude can be aggressive, or collapse under the weight of a constraint, thus becoming fragile. If this character had a model, he/she would look like the protagonist of Pasolini’s Petrolio, who alternatively switches between being a man and a woman, as a result of a trauma that would otherwise be impossible to recount.

St_cirq-lapopie-mini

A.B. What result would you ultimately like to reach from this relentless transformation flow?
D.P. The film that will result from this process will be divided in areas: natural or manmade places where one will see the characters act and mature, go through and look at the situations that they face. The backdrop to this staging will be reality, the one that I will find in that region of France, expressed in a documentary fashion. The way in which the real and unexpected event will inevitably influence the project, will form the backbone, will determine the urge. We will start logistically from the peaks of the Pyrenees, in search of the routes of smugglers and illegal immigrants to arrive at Saint-Gaudens, overcoming mountains that have always represented natural boundaries and limits. We will cross the countryside and forests of Cajarc, trying to uncover the signs of the influence of today’s political propaganda and media, to close at a library at the University of Toulouse, where we will attend a debate between a group of people trying to find an agreement on the perfect model of democracy to pursue. Toulouse was in fact the city where the Veneto-born Silvio Trentin opened the library which soon became the reference point of the anti-fascist movements in Europe: the place where people met to discuss utopias and resistance.

St-Gaudens-mini

A.B. A sort of documentary, or you are looking for a different film language?
D.P. The film is certainly not intended to come to an end in the classic sense – quite the opposite. The result of the construction, which I will work on in the months after my coming back, will be the most effective arrangement of a wealth of material collected in a period of intense work and discovery, with a number of concerns and questions that will guide the entire process. From a technical point of view I will use a different shooting style for each residence location; although there will never be a more overtly “documentary” part, in the sense of improvised aesthetic. The goal, in fact, is to manage to build a solid narrative and emotional experience in which the character and its alterations can be reflected deeply in the viewer.

Andrea Bruciati Ciao Daniele, puoi raccontarmi lo spirito con cui ti accingi ad intraprendere questa esperienza?
Daniele Pezzi Per prima cosa la residenza per cui sono stato selezionato è in qualche modo atipica: trascorrerò 45 giorni spostandomi tra tre centri d’arte situati nella regione del Midi-Pyrénées. In ognuno di questi (in ordine di successione: Maison des Arts Georges Pompidou di Cajarc, Chapelle St Jacques di Saint-Gaudens e BBB di Toulouse) trascorrerò un periodo di tempo di 15 giorni. Il tema della residenza verte sullo spostamento e l’utopia, sia da un punto di vista pratico (l’esperienza dell’artista che deve unire nel suo progetto i vari centri d’arte che sono fisicamente distanti tra loro) sia da un punto di vista teorico (da cui la scelta di selezionare il mio metodo di lavoro per questa residenza). Queste caratteristiche e le limitazioni che ne derivano rappresentano la sfida che mi trovo di fronte e la propulsione a immaginare possibili soluzioni.

A.B. Quale processo/progetto intendi sviluppare?
D.P. Nel progetto voglio continuare a studiare le soluzioni inaspettate della fusione tra reale e fiction: seguirò un processo che ho sviluppato negli ultimi anni, attraverso una serie di video concepiti e realizzati in continuo spostamento. Uno stato variabile in cui è impossibile lavorare basandosi su una sceneggiatura o uno schema rigido di progetto; non è infatti possibile prevedere le condizioni meteo, le difficoltà di accessibilità di un determinato luogo, i limiti fisici ecc. A differenza dei precedenti, che si svelavano completamente solo in corso d’opera, questa volta sono stato obbligato a definire anticipatamente un ventaglio di possibilità e potenzialità da cui attingere per sfruttare al massimo il breve periodo di tempo a disposizione. Se dovessi dare un titolo alla massa informe di idee, tecniche e scene che formano il progetto in questo momento, potrebbe essere “Lo Smascheramento”.

A.B. Nello specifico di cosa si tratta?
D.P. In ogni luogo della residenza selezionerò uno o più attori volontari (professionisti e non) con cui attivare un processo di definizione del personaggio che andranno a interpretare. Sono interessato a un approccio totalmente collaborativo in cui metto da parte le smanie di controllo tipiche del ‘dittautore’. Il risultato di questi incontri saranno personaggi che germoglieranno naturalmente dal compromesso tra la mia idea, la personalità dell’interprete e i limiti del contesto in cui ci troveremo ad agire. Da diversi anni, infatti, lavoro su una figura errabonda che è osservatore del contesto che attraversa, e allo stesso tempo alle prese con l’adattamento a condizioni ambientali variabili.

A.B. Una sorta di metamorfosi quasi plastica da un lato e un personaggio cangiante alla Zelig dall’altro.
D.P. Come cambiano il paesaggio, la temperatura, l’architettura, allo stesso tempo muta il personaggio, psicologicamente (variando stato d’animo e drammaturgia) ma anche fisicamente (essendo interpretato da attori diversi). Il personaggio diventa quindi un essere elastico e malleabile che diventa di volta in volta altro da sé; pur mantenendo alcuni elementi di somiglianza, come lo stile degli abiti, la costituzione fisica, ecc., a seconda delle situazioni  il suo atteggiamento può essere aggressivo, o crollare sotto il peso di una costrizione, e diventare fragile. Se questo personaggio dovesse trovare un modello assomiglierebbe al protagonista di Petrolio di Pasolini, che si ritrova a essere alternativamente uomo o donna, come effetto di un trauma che sarebbe impossibile raccontare diversamente.

A.B. Quale risultato ultimativo vuoi perseguire da questo incessante flusso in trasformazione?
D.P. Il film che risulterà da questo processo sarà suddiviso per ambienti: luoghi naturali o antropizzati in cui si vedranno i personaggi agire e maturare, attraversare e osservare, le situazioni che si troveranno di fronte. L’orizzonte di questa messa in scena sarà la realtà, quella che troverò nella Francia di quella regione, espressa con una prassi affine al documentario. Il modo in cui l’evento reale e inaspettato influenzerà inesorabilmente il progetto ne formerà l’ossatura, ne determinerà l’urgenza. Si partirà logisticamente dalle cime dei Pirenei, cercando i tragitti dei contrabbandieri e dei clandestini per arrivare a Saint-Gaudens, superando montagne che da sempre sono confini e limiti naturali. Si attraverseranno le campagne e i boschi di Cajarc cercando di svelare i segni dell’influenza della propaganda politica e mediatica di oggi, fino a chiudere in una biblioteca dell’università di Tolosa, dove assisteremo a un dibattito tra un gruppo di persone che cercherà di trovare un accordo sul modello perfetto di Democrazia da perseguire. Tolosa è stata infatti la città dove il veneto Silvio Trentin aprì la libreria che diventò presto il punto di riferimento dei movimenti anti-fascisti europei: il luogo dove si ritrovavano per discutere di utopie e di resistenza.

A.B. Una sorta di documentario o sei alla ricerca di un linguaggio cinematografico differente?
D.P. Il film non sarà sicuramente inteso per essere concluso in senso classico, al contrario. Il risultato del montaggio, che seguirò nei mesi successivi al mio ritorno, sarà la configurazione più efficace di un bagaglio di materiali costruiti in un periodo di intenso lavoro e scoperta, con una serie di preoccupazioni e di punti interrogativi che guideranno l’intero processo. Da un punto di vista tecnico utilizzerò uno stile di ripresa diverso per ogni luogo di residenza; non ci sarà mai però una parte più dichiaratamente “documentaristica”, intesa come estetica improvvisata. L’obiettivo, infatti, è riuscire a costruire una solida esperienza narrativa ed emozionale in cui il personaggio e le sue alterazioni possano riflettersi profondamente nello spettatore.

Images:
cover. Daniele Pezzi, Tutulma, 2010-2013, video still HD. Courtesy of the artist
other pictures: video stills and reasearch images

Project: Piano – alto!
Spaces: Maison des Arts Georges Pompidou CAC, CAC Chapelle St Jacques, BBB centre d’art
Protagonists: Daniele Pezzi

close