CHIARA AGNELLO

en

CHIARA AGNELLO

Chiara Agnello is artistic director of Careof, a non-profit organization for the promotion of contemporary artistic research active in Milan, that since 1987 encourages cultural experimentation in all its forms, in particular the work of young artists. Careof positions itself as a privileged mediator between artists, curators, critics and a non-specialist audience, through a rich program of exhibitions and educational documentation services around the visual arts held at DOCVA and the residency program for creative FDV Residency Program.

Project: Piano – alto!
Space: Careof DOCVA

close
en

VINCENT HONORÉ IN CONVERSATION WITH CHIARA AGNELLO, CAREOF DOCVA

VINCENT HONORÉ IN CONVERSATION WITH CHIARA AGNELLO, CAREOF DOCVA

Vincent Honoré Can you introduce Careof, its history, missions and programmes?
Chiara Agnello Since 1987 Careof fosters the development of contemporary art practice with passion, creativity and expertise. Since then, Careof is a place where young and established artists can be inspired, exchange views and be encouraged to experiment, debate and grow.
Since 2002 Careof is located at Fabbrica del Vapore in Milan, an industrial building from the early 20th century, which was originally meant for the construction, maintenance and sale of railway and tram material, and today is a youthful centre of cultural production.
In December 2013 with a new project nominated Taking Careof, we  created a new work team which pursues the organisation’s objectives updating its strategies,  transforming the cultural project into a sustainable one, increasing collaborative networks with professionals. Foster the development of artistic work, research and education is still one of our goals in conjunction with becoming a reference point for videoart in Italy and abroad.
Careof has various spaces and resources: an exhibition space of approximately 160 square metres; video and book archive held at DOCVA – Documentation centre for visual arts, born in collaboration with Viafarini; a residency programme for international artists and curators; a bookshop with new Italian and foreign publications.

V.H. “Experimentation” is a word that appears often in your mission statement: I am curious to know how you define “experimentation” in the field of contemporary art and in the framework of an institution.
C.A. Within a no profit organization as Careof the word experimentation is closely related to the continuous questioning of the organizational processes and the ability to be flexible in the face of opportunity, to changes in society and of the public we work with.
Obviously we have a well-defined mission, but the goals that we set are a response to the reading of our context. They can then change and evolve with time. An example is the focus on the video archive, which during our 26 years of history has acquired different roles and weights.

V.H. How do you foresee the future of an institution like yours in a context in which globalised museums and institutions become such powerful players, absorbing all energies, audiences and funding?
C.A. Careof is characterized by the ability to read the context and be an active part of the community we refer. We have the ability to observe the artistic practices in their multifaceted and multiform varieties, giving space also to the emerging ones.
We have the capacity to act with different strategies, giving space to the experimentation in a time which research and development are becoming less valued. For these reasons we believe that institutions like ours must continue to exist alongside the powerful players.

V.H. What is your mission with archive and archiving and how does it differ from collecting?
C.A. The video archive includes over 7,000 pieces and is the most important collection of videoart in Italy. The catalogue holds over 6,000 artworks, from the first experiments made in the 70s to work by the latest generations, and about 1,000 videos documenting exhibitions, conferences, performances and art events of international relevance.
One of Careof’s main activities is the filing, preservation and promotion of contemporary art material. In fact the archive also includes catalogues, specialised magazines, artists’ portfolio and photographs in all sorts of formats. The collection is an important resource to understand the development of contemporary art research over the past 40 years and specifically in Italy.
Careof has decided to make the archive perform, so we can spark a reflection that doesn’t only contemplate history, but it allows it to re-live, be modernized, enriched and expanded.
Through the video archive we develop exhibitions, residency and research projects.
We are archiving in order to support the artists and their work, share and pass on the knowledge and let everyone know the contemporary art scene. This is probably the main difference from collecting.

V.H. PIANO intends to create a network of art spaces working together, exchanging and interacting. Why did you decide to join the project and how are you participating in it?
C.A. Inside the mission of Careof there is the vocation to work with Italian and international institutions as we believe that through the exchange between cultures and people we can generate an enrichment.
We then responded to Stefania Meazza, curator of the project Piano – Alto! with enthusiasm. The project has provided for young Italian and French artists a period of residence at the centers involved: MAGP Cajarc / Maisons Daura, Saint-Cirq Lapopie, Chapelle Saint-Jacques, Saint-Gaudens and the BBB, centre d’art, Toulouse, in France; Dolomiti Contemporanee and Careof, in Italy. There have been several meetings between us to investigate the practices and activities of each organization. The choice of artists was facilitated by a pre-selection made by the institutions, offering a list of candidates to others. The selected artists are: Guillaume Robert, Lise Lacombe, Jérémy Laffon, Nina Fiocco and Daniele Pezzi.

Space: Careof DOCVA
Protagonist: Chiara Agnello
Project: Piano – alto!

Vincent Honoré Puoi presentare Careof, la sua storia, la sua mission e il suo programma?
Chiara Agnello Dal 1987 Careofpromuove lo sviluppo della pratica artistica contemporanea con passione, creatività e competenza. Sin dalla sua nascita, Careof è un luogo in cui artisti giovani e riconosciuti possono trarre ispirazione, scambiare le proprie visioni e trovare stimolo per sperimentare, discutere e crescere.
Dal 2002 Careof ha la propria sede presso la Fabbrica del Vapore a Milano, un edificio industriale risalente all’inizio del XX secolo, originariamente dedicato alla costruzione, alla manutenzione e alla vendita di materiale ferroviario e tramviario. Oggi è un centro per la produzione culturale.
Nel dicembre 2013, con un nuovo progetto intitolato Taking Careof, abbiamo creato una nuova squadra di lavoro che persegue gli obiettivi dell’organizzazione attraverso l’aggiornamento delle sue strategie, trasformando il progetto culturale secondo princípi di sostenibilità e incrementando le reti di collaborazione tra professionisti del settore. La promozione dello sviluppo della pratica artistica, della ricerca e dell’educazione è tuttora uno dei nostri principali obiettivi, insieme alla volontà di diventare un punto di riferimento per la videoarte in Italia e all’estero.
Careof ha diversi spazi e risorse: uno spazio espositivo di circa 160 metri quadrati; un archivio video e una biblioteca collocati presso il DOCVA – Centro di documentazione per le arti visive, nato in collaborazione con Viafarini; un programma di residenze per artisti e curatori internazionali; un bookshop con nuove pubblicazioni italiane e straniere.

V.H. “Sperimentazione” è un termine che ricorre spesso nei vostri statement: sono curioso di sapere quale senso date alla parola “sperimentazione” nell’ambito dell’arte contemporanea e nella cornice di un’istituzione.
C.A. Per un’istituzione no profit come Careof il termine “sperimentazione” è strettamente correlato alla continua ridefinizione dei processi organizzativi e alla capacità di essere flessibili di fronte alle opportunità, ai cambiamenti sociali e alle trasformazioni del pubblico con cui lavoriamo.
Ovviamente abbiamo una mission ben definita, ma gli obiettivi che ci poniamo sono una risposta all’analisi costante del contesto in cui operiamo. Essi possono quindi cambiare ed evolvere nel tempo. Un esempio di questo approccio è l’interesse dedicato all’archivio video, che nel corso di 26 anni di storia ha acquisito un ruolo e un peso sempre diversi.

V.H. Qual è il futuro di un’istituzione come Careof nel contesto attuale, in cui musei e istituzioni globalizzati assumono un crescente potere, assorbendo tutte le energie, le categorie di pubblico e le risorse economiche?
C.A. Careof è caratterizzato dalla capacità di leggere il contesto e di svolgere un ruolo attivo all’interno della comunità cui si rivolge. Siamo in grado di osservare le pratiche artistiche nelle loro sfaccettate e multiformi declinazioni, dando spazio ai fenomeni emergenti.
Sappiamo agire attraverso diverse strategie, mettendo in primo piano la sperimentazione in un momento in cui la ricerca e lo sviluppo sono sempre meno valorizzati. Per queste ragioni crediamo che le istituzioni come la nostra debbano continuare a esistere accanto alle realtà più influenti.

V.H. Qual è la vostra mission nell’ambito dell’archiviazione e come si differenzia dall’atto del collezionare?
C.A. L’archivio video include più di 7.000 lavori e costituisce la più importante collezione di videoarte in Italia. Il catalogo comprende più di 6.000 opere, dai primi esperimenti realizzati negli anni Settanta fino al lavoro delle generazioni più giovani, e circa 1.000 video che documentano mostre, conferenze, performance ed eventi artistici di rilevanza internazionale.
Una delle principali attività di Careof è la schedatura, la conservazione e la promozione del materiale artistico contemporaneo. L’archivio comprende infatti anche cataloghi, magazine specializzati, portfolio e fotografie di artisti in ogni formato. La collezione è un’importante risorsa per comprendere lo sviluppo della ricerca artistica contemporanea negli ultimi 40 anni, in particolare in Italia.
Careof ha deciso di dare all’archivio una natura performativa, in modo da poter sviluppare riflessioni non solo di carattere storico, ma anche in grado di rivivere, essere riattualizzate, arricchite e sviluppate.
Attraverso l’archivio video sviluppiamo progetti espositivi, di residenza e di ricerca. L’archivio è per noi uno strumento per sostenere gli artisti e il loro lavoro, per condividere e trasmettere la conoscenza e per permettere a ognuno di conoscere la scena dell’arte contemporanea. È questa probabilmente la differenza maggiore con una comune collezione.

V.H. PIANO mira a creare una rete di spazi artistici che lavorino insieme, attraverso processi di scambio e interazione. Perché avete deciso di aderire al progetto e come si realizza la vostra partecipazione?
C.A. Alla base della mission di Careof vi è la vocazione di lavorare con istituzioni italiane e internazionali, perché crediamo che attraverso lo scambio tra le culture e le persone sia possibile generare ricchezza.
Abbiamo quindi risposto con entusiasmo all’invito di Stefania Meazza, curatore del progetto Piano – Alto!. Il progetto ha permesso a giovani artisti italiani e francesi di compiere un periodo di residenza nei centri coinvolti: MAGP Cajarc / Maisons Daura, Saint-Cirq Lapopie, Chapelle Saint-Jacques, Saint-Gaudens e il BBB, centre d’art di Tolosa, in Francia; Dolomiti Contemporanee e Careof, in Italia. Abbiamo organizzato diversi incontri tra noi per analizzare le pratiche e le attività di ogni organizzazione. La scelta degli artisti è stata agevolata da una pre-selezione fatta dalle istituzioni, ciascuna delle quali ha presentato una lista alle altre. Gli artisti selezionati sono: Guillaume Robert, Lise Lacombe, Jérémy Laffon, Nina Fiocco e Daniele Pezzi.

Image:
1. Careof, new venue at Fabbrica del Vapore. Photo: Andrea Astesiano for Maxdesign

close