Alberto Garutti

en - it

Alberto Garutti

02_Museion_SoleilPolitique_Garutti

Alberto Garutti, Madonna, 2007

Born 1948, Galbiate, Italy
Lives and works in Milan, Italy

For Alberto Garutti, works of art only exist in the eyes of the beholder. The first person to behold any work is of course the artist himself, who observes reality and imparts different attributes to objects. It is then up to the viewer to complete the work by supplying meaning. Many of Garutti’s works are designed for public space, where the confrontation between artwork and viewer is direct, not mediated by a museum or artistic venue that houses and presents it.
In his work Alberto Garutti investigates various aspects of the human experience, including spirituality. Madonna, a ceramic statue of the Virgin Mary, originated as a commission for the Nuova Chiesa (New Church) in the parish of Trezzano sul Naviglio (Milan). Deliberately embracing the artistic tradition of religious representation, Garutti reproduces the Virgin Mary in a way that adds an element of personal experience to the relationship between the statue and the believer. Garutti achieves this by creating a white ceramic copy of a nineteenth century statue of the Madonna, but deliberately changing the way it is perceived. He takes his inspiration from time-honoured rituals that see believers flocking to touch sacred statues, but in this case, the material is not cold to the touch, but warm: an electrical system inside the sculpture heats the ceramic structure to the same temperature as the human body. This warmth adds an unexpected dimension to the believer’s physical experience, creating an element of affinity with the sculpture.

Nato a Galbiate, Italia, nel 1948
Vive e lavora a Milano, Italia

Per Alberto Garutti l’opera d’arte esiste solo nello sguardo di chi la osserva. Il primo a effettuare questa operazione è l’artista stesso, che, guardando la realtà, conferisce alle cose un aspetto diverso. Successivamente, è lo spettatore a portare l’opera a compimento, attribuendole un senso. Molti degli interventi di Garutti sono pensati per lo spazio pubblico, dove il confronto tra opera e spettatore è diretto, perché non mediato da un contesto museale o artistico che accoglie e presenta l’opera. L’artista indaga vari aspetti dell’esperienza umana, tra cui la spiritualità. Madonna è una statua in ceramica raffigurante la Vergine Maria. L’opera nasce come progetto commissionato nell’ambito del programma iconografico della Nuova Chiesa sussidiaria della parrocchia di Trezzano sul Naviglio (MI). Inserendosi nella tradizione artistica delle rappresentazioni religiose, Alberto Garutti raffigura la Vergine introducendo un elemento esperienziale tra la statua e il fedele. Realizza una copia in ceramica bianca di una statua ottocentesca della Madonna, modificandone però la percezione. Poiché nel rito spontaneo i fedeli toccano le statue sacre, l’artista ha voluto che il materiale della sua scultura al tatto non fosse freddo, bensì tiepido. Il tepore fa sembrare la statua viva e, quindi, vicina al fedele anche nell’esperienza corporea. In una sezione cava all’interno della scultura vi è infatti un sistema di riscaldamento elettrico, che permette alla ceramica di raggiungere la temperatura del corpo umano.

Image:
Alberto Garutti, Madonna, 2007, courtesy of the artist, Soleil Politique, Museion 2014. Photo: Luca Meneghel

Project: Soleil politique

close