Adrienne Drake

en - it - fr

Adrienne Drake

Adrienne_Drake

Adrienne Drake is Director and Curator of the Fondazione Giuliani, Rome. Since 2011 she is also an Arts and Humanities Advisor at the American Academy in Rome.
She is a founding member of the non-profit curatorial platform 1:1projects, and also curates independently, favoring a working methodology of collaboration and participatory practice.
She is a contributing curator for Open Video Projects, a Rome based video archive that organizes screenings of video art, short films, experimental cinema, documentaries and video installations.

Project: Ephemera
Space: Fondazione Giuliani
Focus: Vincent Honoré in conversation with Adrienne Drake, artistic director at Fondazione Giuliani, Rome

 

Direttrice e curatrice della Fondazione Giuliani per l’Arte Contemporanea a Roma. Dal 2011 è Arts and Humanieties Advisor per l’Accademia Americana a Roma. È tra i soci fondatori della piattaforma curatoriale 1:1projects. Nei suoi progetti favorisce una metodologia di lavoro partecipativa e collaborativa. È inoltre contributing curator per Open Video Project, un archivio video a Roma che organizza proiezioni di video d’arte, cortometraggi, cinema sperimentale, documentari e video installazioni.

 

Adrienne Drake est directrice et commissaire d’expositions de la Fondazione Giuliani à Rome. Depuis 2011, elle est également conseillère en arts et humanités auprès de l’American Academy à Rome. Elle est membre fondateur de 1:1projects, et aussi commissaire indépendante, encourageant une méthodologie du travail collaboratif et une pratique participative. Elle est commissaire d’expositions auprès de l’Open Video Projects, un lieu d’archives vidéos à Rome, qui organise des projections de films expérimentaux, de courts métrages, de documentaires et d’installations.

close
en - it - fr

Vincent Honoré in conversation with Adrienne Drake, Fondazione Giuliani

Vincent Honoré You are the founding director of Fondazione Giuliani, initiated in Rome in 2010 by collectors Giovanni and Valeria Giuliani. What is the core mission of the Foundation and how would you describe its DNA? What makes it different from other spaces in Rome and abroad?

Adrienne Drake As a private, non-profit exhibition space, the Foundation can be flexible, mutable, and our intentions and directives can change over time. Its mission can also shift, as we think about and respond to current trends in contemporary art, but it never strays from the simple objective of creating an accessible space for artists to produce and present new work, developing an arena in which to experiment and collaborate, and engaging the public in artists’ work, focusing on a programme that underscores a perspicacious reflection by artists on contemporary society.
Since the Foundation’s creation in 2010, we have focused primarily on solo exhibitions, with an emphasis on the commissioning and production of new work by artists who have never previously exhibited in Rome, if not Italy. While that focus has not necessarily changed, we’ve recently broadened the programming to include other investigations: the most recent exhibition was a more historical show with works from the 1960s-70s, while the upcoming exhibition will be a group show.

Benoît Maire, Lies on the Beach

2. Benoît Maire, Lies on the Beach, 2013

Scott Burton by Oscar Tuazon

3. Scott Burton by Oscar Tuazon, 2012

V.H. I understand you are also responsible for the Giuliani collection. I am curious to know how much the founder is involved in the Foundation’s curatorial vision, as well as the Foundation’s relation to its collection. 

A.D. The Giulianis and I always discuss the Foundation’s exhibition programme and activities. I envision each exhibition in terms of groupings of loose thematic cycles, which are not necessarily overtly declared, but rather curatorial reflections also on the direction of the Foundation. The collection is a separate entity from the activities of the Foundation, but one can’t help but influence the other. We have exhibited artists whose work was already in the collection, and these exhibitions provide the opportunity to further research and study the working practice of these artists. Since we focus on production, there are also occasions in which we acquire for the collection works that we produced for an exhibition. This is both a testimony to the Foundation’s exhibition history, and also a means of collecting in real time.

V.H. How do you engage with public institutions in Rome?

A.D. As a small foundation, we can act independently from any long-standing traditional structures which public institutions are more obligated to abide by. We tend to be more orientated towards experimentation and niche production, and are freer to take risks, unrestricted by constraints imposed by the rules and parameters of a museum institution.
Public institutions in Rome must navigate between cultural responsibility and different political agendas and are, unfortunately, often entangled in the dynamics of local and national politics. But all institutions share a common agenda: to build an ever-growing community of enthusiasts and supporters of contemporary culture, and to create centres of experience, learning and points of connectedness.

V.H. You invite artists, but also guest curators to engage with the Foundation, its collection and its audience. You open the Foundation to different sensibilities and curatorial methodologies. How do you conceive the mission of a director/curator of a contemporary art space in 2014?

A.D. There are myriad of curatorial methodologies and each of these activate different approaches and sensibilities. My primary point of interest is the investigation of artistic practice, but I’m also interested in exploring curatorial sensibilities, which is why I open the Foundation to guest curators. Curators are cultural practitioners, facilitators, researchers, questioners, and together with artists can create forums for discussion on contemporary socio-political and cultural issues, and new modes of production.

Mutiny Seemed a Probability

4. Mutiny Seemed a Probability, 2010

Benoît Maire, Lies on the Beach

5. Benoît Maire, Lies on the Beach, 2013

V.H. PIANO intends to create a network of art spaces working together, exchanging and interacting. Why did you decide to join the project and how are you participating in it?

A.D. The premise of your question underlines three essential motivations for why the Foundation is participating in the project: the possibility of working collaboratively, exchanging, and interacting with a diverse group of art spaces to broaden aesthetic networks. This type of initiative stimulates dialogue, engagement and participation, while contextualising the Foundation’s local activities with artists, curators and institutions internationally.
Specifically, Fondazione Giuliani is hosting a four-person show, The Promise of Melancholy and Ecology, the first chapter in a series of exhibitions entitled The Registry of Promise. The overall project is guest curated by Chris Sharp, whose curatorial approach I respect and admire, in collaboration with Parc Saint Léger Centre d’art contemporain, Centre d’art contemporain d’Ivry – le Crédac, and SBKM/De Vleeshal, all institutions with whom the Foundation feels a certain kinship and common ground in their research and programming.

Gianni Piacentino 1965-2000

6. Gianni Piacentino 1965-2000, 2014

Giulia Piscitelli, Neopolitan Windows

7. Giulia Piscitelli, Neopolitan Windows, 2010

Carl Andre, 3rd Steel Triangle, 2008

8. Carl Andre, 3rd Steel Triangle, 2008

Seb Patane, Movement (featuring Rose Kallal), 2013

9. Seb Patane, Movement (featuring Rose Kallal), 2013

Space: Fondazione Giuliani
Protagonists: Adrienne Drake, Chris Sharp
Project: The Registry of Promise

 

Vincent Honoré Sei direttore e fondatore della Fondazione Giuliani, creata a Roma nel 2010 dai collezionisti Giovanni e Valeria Giuliani. Qual è la mission primaria della Fondazione e come descriveresti il suo DNA? Cosa rende questo spazio diverso da altri a Roma o all’estero?

Adrienne Drake In quanto spazio espositivo privato e non-profit, la Fondazione può essere flessibile, variabile e le nostre intenzioni e direttive possono mutare nel tempo. Anche la sua mission può subire delle trasformazioni, poiché la nostra riflessione e attività rispondono alle dinamiche attuali dell’arte contemporanea. Tuttavia non ci allontaniamo mai dal semplice obiettivo di creare uno spazio accessibile nel quale gli artisti possano produrre e presentare i propri nuovi lavori, di sviluppare un’arena in cui sperimentare e collaborare, di coinvolgere il pubblico nella produzione artistica, concentrandoci su un programma che stimola la riflessione approfondita degli artisti sulla società contemporanea. Sin dalla creazione della Fondazione, avvenuta nel 2010, ci siamo concentrati principalmente su mostre personali, con un’attenzione particolare alla committenza e alla produzione di opere inedite di artisti che non hanno mai esposto a Roma e spesso nemmeno in Italia. Se da una parte non abbiamo rinunciato a questo interesse, dall’altra abbiamo recentemente ampliato i confini della nostra programmazione per includere altri tipi di ricerca: il progetto più recente è stata una mostra storica con opere degli anni ’60 e ’70, mentre il prossimo evento sarà una collettiva.

V.H. So che sei anche responsabile della collezione Giuliani. Sono curioso di sapere quanto il fondatore sia coinvolto nella visione curatoriale della Fondazione e di conoscere quale sia la relazione tra la Fondazione e la sua collezione. 

A.D. Io e i Giuliani discutiamo sempre del programma espositivo e delle attività della Fondazione. Progetto ogni mostra all’interno di ampi cicli tematici, non necessariamente dichiarati in maniera esplicita, ma piuttosto riconducibili a riflessioni generali sulla direzione della Fondazione. La collezione rappresenta un’entità separata dalle attività della Fondazione, anche se l’una può influenzare l’altra. Abbiamo esposto artisti il cui lavoro è presente nella collezione e queste mostre hanno fornito l’opportunità di portare avanti una ricerca e uno studio più approfonditi sulla pratica di queste figure. Vista la forte concentrazione sulla produzione, ci sono state anche occasioni in cui abbiamo acquisito per la collezione opere prodotte per una mostra. Si tratta allo stesso tempo di una testimonianza della storia espositiva della Fondazione e di una pratica collezionistica in tempo reale.

V.H. Come vi rapportate con le istituzioni pubbliche di Roma?

A.D. Essendo una fondazione di dimensioni ridotte, possiamo agire indipendentemente da tutte le tradizionali regole cui le istituzioni pubbliche sono obbligate a rispondere. Siamo più orientati verso la sperimentazione e la produzione di nicchia, e siamo più liberi di assumere rischi, non essendo limitati dai vincoli imposti dalle norme e dai parametri di una realtà museale.
Le istituzioni pubbliche romane sono costrette a muoversi tra la responsabilità culturale e diversi programmi politici e sono spesso, purtroppo, imbrigliate dalle dinamiche della politica locale e nazionale. Ma tutte le realtà condividono un intento comune: costruire una comunità crescente di appassionati e sostenitori della cultura contemporanea e creare luoghi di esperienza, apprendimento e dialogo.

V.H. Inviti artisti, ma anche curatori a lavorare con la Fondazione, la sua collezione e il suo pubblico. In questo modo apri la Fondazione a sensibilità e metodologie curatoriali diverse. Come concepisci il ruolo del direttore/curatore di uno spazio espositivo d’arte contemporanea nel 2014?

A.D. Ci sono moltissime metodologie curatoriali e ognuna di esse attiva diversi approcci e sensibilità. Il mio interesse principale ruota intorno alla ricerca sulla pratica artistica, ma sono attratta anche dall’esplorazione delle sensibilità curatoriali, motivo per cui apro la Fondazione ai guest curators. Essi sono professionisti della cultura, facilitatori, ricercatori, studiosi e insieme agli artisti possono creare occasioni di discussione su temi socio-politici e culturali della contemporaneità e generare nuove modalità di produzione.

V.H. PIANO aspira a creare un network di spazi espositivi basato sulla collaborazione, lo scambio e l’interazione. Perché hai deciso di unirti al progetto e in cosa consiste la tua  partecipazione?

A.D. La prima parte della tua domanda contiene già in sé i tre motive principali per i quali la Fondazione partecipa al progetto: la possibilità di lavorare in collaborazione, di attivare uno scambio e di interagire con un esteso gruppo di spazi espositivi al fine di ampliare le reti estetiche. Questo genere di iniziative stimola il dialogo, l’impegno e la partecipazione, inserendo le attività locali della Fondazione con gli artisti, i curatori e le istituzioni in un contesto internazionale.
Nello specifico la Fondazione Giuliani ospiterà una mostra collettiva con quattro artisti, The Promise of Melancholy and Ecology, primo capitolo di una serie di mostre intitolata The Registry of Promise. L’intero progetto è curato dal guest curator Chris Sharp, di cui ammiro e rispetto la pratica curatoriale, in collaborazione con Parc Saint Léger Centre d’art contemporain, Centre d’art contemporain d’Ivry – le Crédac e SBKM/De Vleeshal, tutte istituzioni con cui la Fondazione ha un’affinità e con le quali condivide un comune terreno di ricerca e programmazione.

Images:
1. Simon Dybbroe Møller, Hello, 2011-2012. Photo: Francesco De Michelis
2. Benoît Maire, Lies on the Beach, 2013. Photo: Giorgio Benni
3. Scott Burton by Oscar Tuazon, 2012. Photo: Giorgio Benni
4. Mutiny Seemed a Probability, 2010. Photo: Claudio Abate
5. Benoît Maire, Lies on the Beach, 2013, mixed media, dimensions variable. Photo: Giorgio Benni
6. Gianni Piacentino 1965-2000, 2014. Photo: Giorgio Benni
7. Giulia Piscitelli, Neopolitan Windows, 2010, adhesive paper on satined plexiglass, ink, 45 x 33 cm each. Photo: Gilda Aloisi
8. Carl Andre, 3rd Steel Triangle, 2008, hot rolled steel, 1 x 150 x 150 cm. Ahmet Öğüt, Intervento n.1:, 2 tape measures. Photo: Gilda Aloisi
9. Seb Patane, Movement (featuring Rose Kallal), 2013, video, 11’14’’. Photo: Giorgio Benni
All images installation views at Fondazione Giuliani, Rome

close